Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Il Tar respinge il ricorso valida la licenza taxi acqueo

CHIOGGIA . Un altro e si spera definitivo capitolo nella guerra in corso da anni sul trasporto acqueo turistico. Il Tribunale amministrativo regionale per il Veneto ha infatti respinto il ricorso...

CHIOGGIA . Un altro e si spera definitivo capitolo nella guerra in corso da anni sul trasporto acqueo turistico. Il Tribunale amministrativo regionale per il Veneto ha infatti respinto il ricorso promosso da Marco Boscolo Capon, cioè dal legale rappresentante di Chioggia Navigazione, contro Marco Tiozzo Bastianello, a sua volta titolare del Bragozzo Ulisse, e contro il comune di Chioggia che aveva, tramite bando, concesso la licenza di taxi acqueo a Bastianello.

L’udienza davanti ai giudici d ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CHIOGGIA . Un altro e si spera definitivo capitolo nella guerra in corso da anni sul trasporto acqueo turistico. Il Tribunale amministrativo regionale per il Veneto ha infatti respinto il ricorso promosso da Marco Boscolo Capon, cioè dal legale rappresentante di Chioggia Navigazione, contro Marco Tiozzo Bastianello, a sua volta titolare del Bragozzo Ulisse, e contro il comune di Chioggia che aveva, tramite bando, concesso la licenza di taxi acqueo a Bastianello.

L’udienza davanti ai giudici del Tribunale amministrativo risale ai primi di dicembre, ma la sentenza è stata pubblicata e resa nota solo in qauesti giorni.

Il ricorso è stato respinto perché irricevibile e in parte inammissibile. La vicenda parte nel febbraio 2015 quando il Comune pubblica un bando per il rilascio di una licenza per l’esercizio del servizio di taxi con natante a motore.

Alla gara partecipano sia Capon, che arriva terzo, che Bastianello, che arriva secondo. Il vincitore rinuncia e il 14 marzo 2016 la licenza viene assegnata a Bastianello che inizia a utilizzarla qualche mese dopo. Marco Boscolo Capon ritiene che il provvedimento di assegnazione del Comune sia illegittimo, per tre motivazioni, e il 22 marzo 2017 presenta ricorso al Tribunale amministrativo regionale chiedendo l’annullamento della delibera.

Capon sostiene che il cumulo di licenze in capo a Bastianello (noleggio con conducente e taxi acqueo) esercitate con due imbarcazioni diversi violi la legge regionale che disciplina il settore, sostiene che il mezzo a motore abbia una portata superiore alle 20 persone violando il regolamento comunale e, come terzo motivo, contesta il punteggio assegnato a Bastianello, superiore di 14 unità a quanto dovuto.

Le tre tesi sono state contestate dai legali a cui si è appoggiato Bastianello nella difesa al ricorso, Alessandro Di Blasi e Pietro Penzo, e dai difensori civici del Comune.

Il Tribunale amministrativo regionale ha dichiarato il ricorso irricevibile perché presentato tardivamente rispetto all’assegnazione della licenza e in parte inammissibile. Ha anche condannato il ricorrente a rimborsare le spese di lite sostenute dalle parti, 1.000 euro per ciascuna. «Finalmente si chiude questa partita», commenta Bastianello, «pesante anche per gli strascichi sui social che abbiamo subito».

Elisabetta Boscolo Anzoletti