Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Pista ciclopedonale da Torre di Mosto fino a Staffolo

TORRE DI MOSTO. È stato ufficialmente aperto il cantiere per la realizzazione della pista ciclopedonale che collegherà Torre di Mosto a Staffolo, lungo la provinciale 57. L’opera non solo consentirà...

TORRE DI MOSTO. È stato ufficialmente aperto il cantiere per la realizzazione della pista ciclopedonale che collegherà Torre di Mosto a Staffolo, lungo la provinciale 57. L’opera non solo consentirà un collegamento illuminato e in sicurezza per le biciclette tra il capoluogo e la popolosa frazione, ma il tombamento della canaletta consorziale risolverà anche il problema dell’irrigazione nelle campagne circostanti.

I lavori sono stati affidati alla Demo Costruzioni e termineranno per settembre ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

TORRE DI MOSTO. È stato ufficialmente aperto il cantiere per la realizzazione della pista ciclopedonale che collegherà Torre di Mosto a Staffolo, lungo la provinciale 57. L’opera non solo consentirà un collegamento illuminato e in sicurezza per le biciclette tra il capoluogo e la popolosa frazione, ma il tombamento della canaletta consorziale risolverà anche il problema dell’irrigazione nelle campagne circostanti.

I lavori sono stati affidati alla Demo Costruzioni e termineranno per settembre 2018. «Dopo vent’anni e dopo aver superato in questi due anni e mezzo di amministrazione Geretto difficoltà nel reperire i fondi visto il taglio degli investimenti europei, statali e regionali per le piste, il cantiere è stato ufficialmente aperto», commenta Filippo Baiana, capogruppo di Progetto Torresano, «l’opera sarà realizzata con finanziamento ottenuto a tasso zero dall’Istituto di credito sportivo di 665 mila euro. Questo permetterà un risparmio di interessi di circa 250 mila euro, oltre a una compartecipazione di 140 mila da parte del Consorzio di bonifica Veneto Orientale, il quale sosterrà anche le spese tecniche di progettazione e direzione lavori, oltre ad aver concesso l’uso gratuito del terreno». (g. mon.)