Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Chi fa esplodere botti rischia multe pesanti

MIRANO. Sarà un San Silvestro senza vere feste in piazza nel Miranese, ma sarà pure un San Silvestro all’insegna dell’attenzione ai botti. Non ci saranno ordinanze specifiche, ma arriva l’appello a...

MIRANO. Sarà un San Silvestro senza vere feste in piazza nel Miranese, ma sarà pure un San Silvestro all’insegna dell’attenzione ai botti. Non ci saranno ordinanze specifiche, ma arriva l’appello a non usarli, meglio non acquistarli. Soprattutto dalle tre sindache del comprensorio, Maria Rosa Pavanello (Mirano), Patrizia Andreotti (Noale) e Monica Barbiero (Martellago), che lanciano più di una raccomandazione. Meglio evitare di farsi male, oppure creare problemi al patrimonio o infastidire ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MIRANO. Sarà un San Silvestro senza vere feste in piazza nel Miranese, ma sarà pure un San Silvestro all’insegna dell’attenzione ai botti. Non ci saranno ordinanze specifiche, ma arriva l’appello a non usarli, meglio non acquistarli. Soprattutto dalle tre sindache del comprensorio, Maria Rosa Pavanello (Mirano), Patrizia Andreotti (Noale) e Monica Barbiero (Martellago), che lanciano più di una raccomandazione. Meglio evitare di farsi male, oppure creare problemi al patrimonio o infastidire gli animali, sensibili ai boati dei petardi. In pratica, ci si appella al senso civico della gente, anche perché le forze dell’ordine saranno in giro per i normali controlli e si vuole evitare che una notte di festa, di svago, diventi occasione per oltrepassare il limite. Divertimento sì, e ci mancherebbe, ma usando la testa. La città dei Tempesta, ad esempio, attraverso il suo sito internet, prende una netta posizione con un richiamo dal titolo che si commenta da solo: “Butta i botti”.

«Facendo proprio l’invito di tutte le associazioni animaliste», si legge, «ci appelliamo alle persone più sensibili affinché si facciano portavoce del nostro appello. Gli animali hanno l’udito molto più sviluppato di quello umano e i forti rumori li gettano letteralmente nel panico, inducendoli a reazioni istintive e incontrollate come gettarsi nel vuoto, divincolarsi fino allo stremo per strappare la catena, scavalcare recinzioni e fuggire in strada, mettendo seriamente a repentaglio la loro incolumità e quella degli altri. Invitiamo tutti i cittadini che amano la vita e rispettano quella altrui, a non acquistare i botti per festeggiare le festività natalizie e Capodanno». Nella pagina Facebook del Comune, da dei cittadini è arrivato pure l’invito ad aumentare i controlli ed evitare lo scoppio di petardi.

Anche Martellago e Mirano dicono stop ai razzi e fuochi, ricordando come vi siano dei divieti validi tutto l’anno ma, a maggior ragione, validi la notte di San Silvestro, quando si esagera più del solito. Di fatto, dal municipio fanno sapere che, in base all’articolo 39 del regolamento di Polizia urbana, chiunque accenda oggetti pericolosi con energia elettrica, fuochi o faccia esplodere petardi, li getti accesi in luoghi pubblici e privati, potrebbe trovarsi con il portafoglio ripulito di un bel po’: la violazione è punita con una multa che varia dai 25 ai 500 euro.

Alessandro Ragazzo