Quotidiani locali

Pioggia di milioni su Mira con la Legge Speciale

Emendamento della Finanziaria chiesto dal sindaco Dori aumenta i beneficiari Pronto già un programma di interventi, dalle fognature ai nove ponti sul Naviglio

MIRA. Pioggia di milioni di euro dal prossimo anno fino al 2024 per Mira e i comuni della gronda lagunare che per la prima volta nella loro storia potranno contare dei fondi legati alla Legge Speciale per Venezia. Arriveranno 65 milioni di euro di cui 30 per il solo Comune di Mira. Saranno rifatte completamente le fognature del paese, saranno sistemati gli argini delle Seriole e sistemati i 9 ponti sul Naviglio, creato un sito turistico archeologico nell’area dei resti dell’ex abbazia di San Ilario a Malcontenta, una abbazia del X secolo.

A spiegarlo è il sindaco Marco Dori che sottolinea come questi soldi verranno impiegati grazie a progetti ad hoc che verranno ideati nel 2018. I fondi arriveranno a Mira, Jesolo, Codevigo , Campagna Lupia e Quarto d’Altino grazie all’inserimento nella Legge Finanziaria di un emendamento voluto con forza e chiesto proprio dal sindaco di Mira in sede di Comitatone al ministro Graziano Delrio e al leader del Pd Matteo Renzi poi.

«Fino ad ora gli unici comuni che percepivano soldicon la Legge Speciale», spiega il sindaco Marco Dori, «erano Venezia, Cavallino-Treporti e Chioggia. Per la prima volta l’elenco dei Comuni beneficiari è stato allargato». Il sindaco stima che nel 2018 arriveranno nelle casse del Comune di Mira circa 2 milioni di euro mentre poco meno di 5 all’anno a partire dal 2019.

«Questi soldi», spiega il sindaco Dori, «ci permetteranno finalmente di mettere in ordine il territorio. Innanzitutto riammoderneremo completamente la rete fognaria di intere frazioni, e del centro del paese. Sistemeremo mettendoli in sicurezza tutti i nove ponti sul Naviglio da quelli di Mira Taglio a Fusina sia veicolari che pedonali. Creeremo un sito turistico di richiamo nell’area dell’Abbazia di san Ilario fra Dogaletto e Malcontenta» . Ma non solo. «Puntiamo insieme con la Regione», continua Dori, «a sistemare le rive del Naviglio che crollano letteralmente mentre creeremo anche piste ciclopedonali in direzione della laguna. Parte dei soldi verranno utilizzate per risistemare e pulire i fossati per evitare allagamenti e dissesti idrogeologici come quelli che si sono verificati negli ultimi anni. Ovviamente non mancheranno interventi di sistemazione e riordino delle casse di colmata e dei canali lagunari a Giare, Malcontenta e Dogaletto. Mira sarà anche punto di riferimento in sede di Comitatone per gli altri due comuni della laguna sud e cioè Codevigo e Chioggia».

«Con
il 2018», conclude Dori, «inizierà la pioggia di milioni di euro sul nostro territorio, e per questo con i nostri uffici stiamo già predisponendo una serie di progetti già pronti per non trovarci impreparati ad utilizzare i soldi che arriveranno».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon