Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Bibione, il Consiglio si piega agli albergatori Ritirato l’ordine del giorno sul regolamento

BIBIONE. Sorpresa ieri all’inizio del consiglio comunale di San Michele al Tagliamento. La maggioranza accoglie la richiesta dell’associazione albergatori di Bibione (Aba) e ritira il punto all’ordine...

BIBIONE. Sorpresa ieri all’inizio del consiglio comunale di San Michele al Tagliamento. La maggioranza accoglie la richiesta dell’associazione albergatori di Bibione (Aba) e ritira il punto all’ordine del giorno sulla tassa di soggiorno che riguardava la modifica al regolamento dell’imposta unica comunale. Un successo in prima battuta per gli albergatori e le altre associazioni di categoria. E poi di Confcommercio che si è posta come mediatore tra la giunta e le categorie in questo delicato momento. La svolta è arrivata ieri sera attorno alle 19 alla lettura dell’ordine del giorno. La sala era piena di spettatori come in occasione della forte discussione sulla Bibione Spiaggia e la famosa denuncia mossa dall’ex presidente Vania Prataviera nei confronti dei consiglieri Vizzon, Teso e Tollon. In sala c’era anche il giovane e determinato presidente dell’Aba Silvio Scolaro. Il quale però non canta vittoria. «È ancora troppo presto», ha detto, «le vere battaglie si vincono alla fine». Alla vigilia il sindaco era convinto di discutere il punto, ha prevalso la calma. Scolaro infatti aveva chiesto che prima di modificare il regolamento avrebbero preteso il confronto con le categorie. Ma la mossa di Codognotto sembra utile e non solo dal punto di vista politico. Lui come tutti ha preferito con la maggioranza, in testa il vicesindaco e assessore Carrer anche lui albergatore, evitare pericolose spaccature con le categorie».