Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Picchiò il marito, deve pagare

VIGONOVO. Dopo le sentenze di condanna per M. C. , 48enne di Vigonovo, insegnante in una scuola superiore a Piove di Sacco condannata dal Tribunale di Venezia in due occasioni (per aver colpito il...

VIGONOVO. Dopo le sentenze di condanna per M. C. , 48enne di Vigonovo, insegnante in una scuola superiore a Piove di Sacco condannata dal Tribunale di Venezia in due occasioni (per aver colpito il compagno con un pugno alla testa usando un mazzo di chiavi e per averlo aggredito “stampandogli” il ferro da stiro bollente sulla schiena), ora arrivano delle incombenze economiche da pagare. È stata raggiunta, infatti, da un’ingiunzione di pagamento. Dovrà versare all’ex compagno diverse migliaia ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

VIGONOVO. Dopo le sentenze di condanna per M. C. , 48enne di Vigonovo, insegnante in una scuola superiore a Piove di Sacco condannata dal Tribunale di Venezia in due occasioni (per aver colpito il compagno con un pugno alla testa usando un mazzo di chiavi e per averlo aggredito “stampandogli” il ferro da stiro bollente sulla schiena), ora arrivano delle incombenze economiche da pagare. È stata raggiunta, infatti, da un’ingiunzione di pagamento. Dovrà versare all’ex compagno diverse migliaia di euro, per obblighi che invece è stato accertato aveva nella gestione della casa in cui un tempo convivevano. «Si tratta» spiega l’avvocato dell’uomo Alessandro Menegazzo di Dolo, «di somme che il giudice ha riconosciuto come dovute, emettendo una ingiunzione di pagamento nei confronti della donna. Si tratta, però, va chiarito di un contenzioso civile che nulla ha a che fare con le cause penali di cui è già stata emessa sentenza». La donna contro le condanne ha annunciato che ricorrerà in appello sicura di essere innocente e ha ricordato di essere un’insegnante stimata da tutti all’istituto superiore in cui lavora da anni e dove non ha mai ricevuto alcun provvedimento disciplinare né lamentela. (a.ab.)