Quotidiani locali

chioggia. a gennaio l’incontro con il vicesindaco 

«Serve un parco solo per i cani»

Raccolta di firme di Laura Doria: «Le famiglie ne possiedono 5.500»

CHIOGGIA . Oltre 5.500 cani nel territorio del Comune di Chioggia, in pratica una famiglia su tre ne possiede uno.

Da questi dati ufficiali del servizio Veterinario, a cui si aggiungono i quattro zampe non censiti, parte Laura Doria (la mamma che per mesi ha dato battaglia per la sistemazione dei parchi per i bambini), per chiedere all’amministrazione di dedicare un parco pubblico a area sgambettamento per i cani. Ma non solo, la Doria individua anche lo spazio più in cui realizzarlo, il parco comunale a nord di via Nicolò Zeno. La proposta è stata protocollata il 5 dicembre e già esposta a alcuni assessori e al dirigente competente, trovando disponibilità. «I dati ci confermano che un numero importante di famiglie possiede un cane», spiega la Doria, «ho pensato di concretizzare il pensiero comune con una raccolta firme per dimostrare all’amministrazione l’interesse dei cittadini per questa iniziativa. A inizio anno incontrerò il vicesindaco Marco Veronese e gli sottoporrò l’idea e il consenso ricevuto». Esiste già un grande parco attrezzato e aperto ai cani, in zona Ridotto Madonna nell’area che ospita le vasche di accumulo di Veritas, ma si entra solo con la tessera dei soci dell’associazione che lo gestisce. «Vorrei un’area davvero pubblica e aperta a tutti», spiega la Doria, «anche per i turisti che
si fermano solo qualche giorno e non hanno la tessera». I fogli per la sottoscrizione sono presenti nei negozi di animali e in altre attività. In pochi giorni abbiamo già superato le 500 firme, a ulteriore conferma che la città chiede uno spazio di questo tipo». (e.b.a.)



TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik