Quotidiani locali

Dolo 

Il comitato per l’ospedale «Difendere i servizi attuali»

DOLO. «L’atto aziendale dell’Usl 3 è ormai pubblico. Ripropone nella sostanza le schede ospedaliere 2016, in attesa delle possibili trasformazioni che la riorganizzazione in dipartimenti e il nuovo...

DOLO. «L’atto aziendale dell’Usl 3 è ormai pubblico. Ripropone nella sostanza le schede ospedaliere 2016, in attesa delle possibili trasformazioni che la riorganizzazione in dipartimenti e il nuovo Piano Socio Sanitario determineranno. Già nel tempo varie riforme delle Usl o scelte cosiddette “temporanee” privarono l’ospedale di Dolo di Otorino e Neurologia, ora la scelta di considerare Dolo e Mirano unico ospedale “spoke” su due sedi lascia aperti scenari preoccupanti sulle possibili dislocazioni di reparti e servizi».

A dirlo è Emilio Zen, portavoce del coordinamento “Cittadini per l’ospedale di Dolo”, in un volantino che è stato distribuito. «Ciò che ora esiste a Dolo deve rimanere, accompagnato da opportuni adeguamenti a livello edilizio e tecnologico». Nel volantino sono analizzate alcune questioni che riguardano Pediatria, Anatomia Patologica, Laboratorio
e Radiologia, Anestesia, Pronto Soccorso e Medicina dello Sport. Infine un appello ai sindaci: «È doveroso rinnovare l’invito alle autorità locali affinché non trascurino di seguire, anzi governare al meglio le scelte riguardanti il nostro ospedale».

Giacomo Piran

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik