Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Esposto in Procura contro i bracconieri

CAMPAGNA LUPIA. Bracconieri e gelo minacciano le specie che vivono all’interno dell’area sud della laguna di Venezia (Mira, Chioggia Campagna Lupia e Codevigo). A denunciarlo sono gli ambientalisti...

CAMPAGNA LUPIA. Bracconieri e gelo minacciano le specie che vivono all’interno dell’area sud della laguna di Venezia (Mira, Chioggia Campagna Lupia e Codevigo). A denunciarlo sono gli ambientalisti dell’associazione Vas che nei giorni scorsi hanno scoperto abbattute e lasciate sul terreno una quindicina fra volpoche e germani reali. E la Procura nei giorni scorsi ha anche aperto un’indagine. «In questi giorni», spiegano per l’associazione Vas Francesco Vendramin e Andrea Bortolato, «abbiamo ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CAMPAGNA LUPIA. Bracconieri e gelo minacciano le specie che vivono all’interno dell’area sud della laguna di Venezia (Mira, Chioggia Campagna Lupia e Codevigo). A denunciarlo sono gli ambientalisti dell’associazione Vas che nei giorni scorsi hanno scoperto abbattute e lasciate sul terreno una quindicina fra volpoche e germani reali. E la Procura nei giorni scorsi ha anche aperto un’indagine. «In questi giorni», spiegano per l’associazione Vas Francesco Vendramin e Andrea Bortolato, «abbiamo segnalato con un esposto il ritrovamento di una quindicina di carcasse di anatre di varie specie. Si tratta di abbattimenti fatti da bracconieri visto che poi gli animali invece di essere raccolti sono stati anche lasciati sul terreno. Abbiamo raccolto documentazione fotografica che abbiamo allegato alle segnalazioni e chiediamo inoltre che i cacciatori regolari segnalino questi mascalzoni che abbattono animali senza rispettare alcuna regola».

Ma le segnalazioni fatte dagli ambientalisti non sono le uniche e la Procura della Repubblica ha aperto una indagine finora sono 6 gli avvisi di garanzia con sospensioni delle licenze (per chi le ha) e sequestro dei fucili. Per loro, visto che alcuni si coordinavano tramite Facebook, potrebbe configurarsi il reato di associazione a delinquere dedita al bracconaggio, con relativa denuncia. E la lista delle persone coinvolte potrebbe allungarsi nei prossimi tempi. Ma non solo. A complicare la vita agli animali della laguna in questi giorni c’è anche il gran gelo che ghiaccia canalette e grossi specchi d’acqua rendendo difficile a gli uccelli nutrirsi di vermi o piccoli pesci, e facendoli morire si fame se la situazione si prolungasse nel tempo.

Alessandro Abbadir