Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

noale. il saluto del comandante dei carabinieri

NOALE. A fine dicembre 2005 era passato per il Consiglio comunale di Noale per presentarsi appena insediatosi. Lunedì sera ha fatto altrettanto, stavolta per salutare e ringraziare. Dopo 12 anni il...

NOALE. A fine dicembre 2005 era passato per il Consiglio comunale di Noale per presentarsi appena insediatosi. Lunedì sera ha fatto altrettanto, stavolta per salutare e ringraziare. Dopo 12 anni il maresciallo Lino Pavanetto (nella foto con la sindaca Patrizia Andreotti) lascia il comando dei carabinieri di Noale (che ha competenza pure a Salzano) per andare in pensione. Pavanetto era arrivato alla stazione di via dei Tigli l’1 dicembre 2005 proveniente dal ramo di polizia giudiziaria del tr ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

NOALE. A fine dicembre 2005 era passato per il Consiglio comunale di Noale per presentarsi appena insediatosi. Lunedì sera ha fatto altrettanto, stavolta per salutare e ringraziare. Dopo 12 anni il maresciallo Lino Pavanetto (nella foto con la sindaca Patrizia Andreotti) lascia il comando dei carabinieri di Noale (che ha competenza pure a Salzano) per andare in pensione. Pavanetto era arrivato alla stazione di via dei Tigli l’1 dicembre 2005 proveniente dal ramo di polizia giudiziaria del tribunale di Venezia. «Ho trovato una realtà positiva senza particolari problemi», dice il rappresentante dell’Arma, «se non quelli di tutti i Comuni. Sono stati anni piacevoli; lascio dopo oltre 37 anni di servizio, continuerò a mantenere i legami con Noale, perché non andrò ad abitare lontano». Patrizia Andreotti ha donato il gagliardetto di Noale e un dipinto (Pavanetto ha accettato con riserva). «Essere venuto a salutarci», osserva, «significa il rispetto vostro e dell’Arma verso le istituzioni». (a.rag.)