Quotidiani locali

Mira e gli altri Comuni cantano vittoria «Riconosciute anche le nostre necessità»

I Comuni di Mira, Campagna Lupia, Codevigo, Jesolo, Musile e Quarto D’Altino, entrano per la prima volta nella ripartizione dei fondi per la Legge Speciale per la Salvaguardia di Venezia. Cantano...

I Comuni di Mira, Campagna Lupia, Codevigo, Jesolo, Musile e Quarto D’Altino, entrano per la prima volta nella ripartizione dei fondi per la Legge Speciale per la Salvaguardia di Venezia. Cantano vittoria il sindaco di Mira Marco Dori insieme al vicesindaco Gabriele Bolzoni. «Una vittoria storica per la nostra città» la definisce Dori «e per tutti i Comuni coinvolti, che resterà in eredità alle future generazioni. Finalmente Mira e gli altri comuni un tempo esclusi hanno riconquistato un ruolo centrale nel territorio, ottenendo questo importante risultato. Appartengono al Comune di Mira ben 9 km di gronda lagunare, da Punta Fusina a Punta San Leonardo: sarebbe stato ingiusto non riconoscerle una parte dei fondi». Dori aveva incontrato il ministro Delrio in occasione degli stati generali a Venezia lo scorso ottobre, e in quell’occasione ha presentato le varie problematicità del territorio di Mira legate alla gronda lagunare perorando la causa anche a nome degli altri comuni limitrofi. Dori è intervenuto, insieme a Bolzoni, tre volte in sede di Comitatone, prendendo
la parola di sua iniziativa e chiedendo che venissero stanziati fondi aggiuntivi da destinare a questi comuni, ed ha poi avuto modo di discuterne anche con il segretario del Pd Matteo Renzi, con il quale anche in questi ultimi giorni c’è stata una fitta corrispondenza. (a.ab.)


TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik