Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

In ottanta da Conetta a Roma per la manifestazione nazionale

CONA. “A Piazza del Popolo siamo 50. 000”, hanno scritto ieri sulla pagina Twitter di Fight/Right – #16D, il profilo ufficiale della manifestazione nazionale svoltasi ieri a Roma per rivendicare la...

CONA. “A Piazza del Popolo siamo 50. 000”, hanno scritto ieri sulla pagina Twitter di Fight/Right – #16D, il profilo ufficiale della manifestazione nazionale svoltasi ieri a Roma per rivendicare la giustizia sociale e il diritto all’uguaglianza per tutti e per tutte. E tra quei cinquantamila c’erano anche 80 migranti di Conetta (nella foto), accompagnati dai sindacati Usb. Sono partiti ieri mattina con due pullman, di 40 persone ciascuno: uno da Cona e uno che ha raggruppato 40 richiedenti a ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CONA. “A Piazza del Popolo siamo 50. 000”, hanno scritto ieri sulla pagina Twitter di Fight/Right – #16D, il profilo ufficiale della manifestazione nazionale svoltasi ieri a Roma per rivendicare la giustizia sociale e il diritto all’uguaglianza per tutti e per tutte. E tra quei cinquantamila c’erano anche 80 migranti di Conetta (nella foto), accompagnati dai sindacati Usb. Sono partiti ieri mattina con due pullman, di 40 persone ciascuno: uno da Cona e uno che ha raggruppato 40 richiedenti asilo che erano stati trasferiti in altre strutture. A Roma hanno manifestato. “Basta Cona” si legge in uno dei tanti striscioni apparsi duranta la marcia. Oppure “Chiudere i grandi campi del Veneto” e ancora: “La marcia per l’umanità del Veneto che accoglie”. Il corteo è partito da piazza della Repubblica è giunto fino alla centralissima Piazza del Popolo. Qui i migranti e non solo si sono radunati e hanno protestato. «Migranti di nuovo in marcia», hanno detto, «per chiedere diritti e dignità per tutti senza distinzioni. Siamo profughi, studenti, precari, siamo i dannati della globalizzazione». Poi infine: «Uniti possiamo farcela, la lotta continua». (s.bet.)