Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Incidente mortale, perizia sulla betoniera

GRUARO. La Procura di Pordenone ha disposto per domani una perizia tecnica sul mezzo pesante, una betoniera appartenente a una ditta di Concordia. Il mezzo pesante fu coinvolto due settimane fa nel...

GRUARO. La Procura di Pordenone ha disposto per domani una perizia tecnica sul mezzo pesante, una betoniera appartenente a una ditta di Concordia. Il mezzo pesante fu coinvolto due settimane fa nel drammatico incidente stradale costato la vita a Sesto al Reghena, nella frazione di Ramuscello, ad Andrea Stefanuto, 63enne di Boldara, frazione di Gruaro.

L’uomo stava rientrando nella propria abitazione pedalando in direzione di Portogruaro in sella alla sua bicicletta, quando venne travolto e ucciso dalla betoniera, il cui conducente proseguì nella marcia. L’enigma su chi avesse provocato l’incidente venne risolto due giorni dopo, quando fu denunciato l’autotrasportatore del mezzo pesante, ovvero un 66enne di Belfiore di Pramaggiore originario di Castello di Brussa a Caorle. Questi ha sempre negato ogni addebito, sostenendo di non essersi accorto di nulla. Ha spiegato ai carabinieri che aveva percepito nel tratto in cui avvenne l’incidente un rumore strano. (r.p.)