Quotidiani locali

eraclea 

Libro di una disabile per aiutare chi ha la stessa malattia

ERACLEA. “Un giorno dirò non è stato facile ma ce l’ho fatta”. Un libro scritto da chi ha vissuto la malattia per chi sta vivendo la malattia. Il nuovo libro di Priscilla Teso è stato scritto per...

ERACLEA. “Un giorno dirò non è stato facile ma ce l’ho fatta”. Un libro scritto da chi ha vissuto la malattia per chi sta vivendo la malattia. Il nuovo libro di Priscilla Teso è stato scritto per raccontare la sua malattia che non è stata facile da accettare, ma grazie a carattere, tenacia, forza di vivere, è stata superata.

«Ad oggi sto facendo ancora fisioterapia due volte alla settimana», racconta, «una volta fisioterapia in acqua, due lezioni di pilates e una di ginnastica posturale tutto per rimettere in moto questo mio corpo. Le mani ancora non si chiudono, non riesco a scrivere e riesco a mantenere la forchetta per mangiare con la mano sinistra che non è la mia la mano che usavo naturalmente. Ho scritto questo libro», è l’appello di Priscilla Teso, «affinché tutti possano conoscere gli effetti del morbo di Guillain Barrè. Purtroppo è rara, ma non troppo. Una storia breve perché è un libro di 50 pagine e racconta la storia di un anno di ospedale e di riabilitazione, di amore e di speranza. Questo libro costerà 10 euro e i soldi serviranno per aiutare un ragazzo che era in ospedale con me. Si chiama Loris,
ha 37 anni un tumore lo ha paralizzato e, abitando al primo piano di un’abitazione a Cittanova, non può scendere le scale. Ha bisogno di un montacarichi o un ascensore. Il mio scopo adesso è vendere quanti più libri possibile perché dobbiamo raccogliere 18.000 euro». (g.ca.)

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon