Quotidiani locali

La Sirca chiede di ampliarsi, Noale dice sì

L’azienda di Massanzago avrà 1.500 metri quadri in più in territorio veneziano. Opposizioni divise

NOALE. La Sirca di San Dono di Massanzago (Padova) si amplierà nel Comune di Noale. Il progetto è passato mercoledì in Consiglio della città dei Tempesta con i voti della maggioranza, mentre l’opposizione si è divisa tra il voto contrario e l’astensione. Da quest’ultimi, infatti, sono arrivati dei dubbi sul futuro e sulle conseguenze che potrebbero esserci per gli abitanti della zona, vista la pericolosità dei materiali trattati.

In futuro, l’azienda, attiva nel settore delle vernici e resine, allargherà gli immobili di 657 metri quadrati (superficie coperta), per un totale di 1.500 metri quadrati, compresa la scoperta. Di fatto, sarà una deroga allo strumento urbanistico in vigore. La ditta sorge al confine fra il territorio padovano e veneziano, con strutture da una parte e dell’altra e, ancora a maggio scorso, aveva chiesto di potersi ampliare per completare il magazzino dove tenere in deposito i prodotti finiti. Avendo avuto un aumento della produzione, la proprietà ha chiesto di poter iniziare i lavori, anche per garantire una maggiore sicurezza alla superficie destinata allo stoccaggio, ora all’esterno. Sarà aggiornato anche il piano di sicurezza.

Le perplessità maggiori sono arrivate da Michele Cervesato e Michela Barin, entrambi di Noalesi al Centro; specie quest’ultima, ha chiesto lumi sui benefici che ne trarrà Noale. «Il progetto preoccupa i cittadini di San Dono e i noalesi in genere», fa sapere, «non tanto per il tipo di attività svolta ma per l’estensione futura. Ora chiede di allargarsi; nel nostro e vostro programma elettorale c’era l’impegno di conservare le aree agricole e, soprattutto, non aumentare le dimensioni di ditte che potrebbe avere un impatto importante sulla vita degli abitanti. Il materiale di stoccaggio è pericoloso, anche se va il mio massimo rispetto alla Sirca e ai suoi lavoratori. Quanto personale potrebbe essere assunto? Dei noalesi potrebbero essere interessati, ad esempio. E Noale cosa ci ricava? Non mi pare granché».

Dubbi che l’assessora all’Urbanistica Alessandra Dini ha cercato di fugare: «Abbiamo parlato con tutte le aziende della zona per capire chi può essere interessato ad assumere personale ma non possiamo sapere quanti potrebbero
esserne presi alla Sirca una volta ampliato il magazzino».

Già una decina d’anni fa, Noale aveva accolto la richiesta di Sirca d’ingrandirsi di 4 mila metri quadrati per potenziare l’immobile delle materie prime e rivedere la viabilità di accesso e interna. (a.rag.)

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro