Quotidiani locali

Trovato morto nel camion in sosta

Dolore a Concordia per la scomparsa di Gianni Biasotto, autista di 57 anni, deceduto nel sonno in una piazzola a Poggibonsi

CONCORDIA. Doveva raggiungere Roma, per consegnare un carico. È morto nel sonno a Poggibonsi, in provincia di Siena, dove si era fermato per riposare. Dolore a Concordia Sagittaria, per la morte a 57 anni del camionista Gianni Biasotto. Abitava nella frazione di Teson. La morte è sopraggiunta per lui ieri mattina, ma la notizia è arrivata in centro nella città di origini romane solo in serata. La magistratura di Siena ha già concesso il nulla osta alla sepoltura, stabilendo che il decesso è sopraggiunto per cause naturali. I funerali di Gianni Biasotto verranno celebrati martedì nella chiesa parrocchiale di Teson, alle 15.

Gianni Biasotto lavorava per una ditta di trasporti e faceva l’autista di camion ormai da molti anni. Ha accumulato molta esperienza, guidando in molte strade d’Italia e all’estero. Venerdì era partito per consegnare un carico a Roma, dove sarebbe dovuto giungere ieri mattina. Lungo il tragitto si è fermato a Poggibonsi, in provincia di Siena. Nelle intenzioni di Biasotto la sosta sarebbe durata al massimo 6-7 ore, il tempo di mangiare un boccone e poi riposare, per svegliarsi attorno all’alba e raggiungere la capitale d’Italia negli orari prestabiliti. I colleghi a Roma però verso le 8 avevano cominciato ad allarmarsi.

Hanno provato a contattarlo al telefono, ma lui non rispondeva. Così è stato dato l’allarme. Gli stessi colleghi fornito fornito alle forze dell’ordine coni dati forniti dal Gps le coordinate del luogo in cui Biasotto aveva parcheggiato il camion per potersi riposare. Così è stato presto individato il mezzo.

Una volta all’interno della cabina hanno trovato l’uomo disteso, come se stesse dormendo. Biasotto però non rispondeva e soprattutto non si muoveva. È stata chiamata un’ambulanza.

Sul posto in pochi minuti sono accorsi gli operatori sanitari che hanno praticato il massaggio cardiaco, ma senza successo. Gianni Biasotto era morto già da qualche ora.

Le forze dell’ordine hanno avvertito la famiglia, mentre la salma veniva trasportata all’ospedale di Poggibonsi. Una volta rilasciato il nulla osta i familiari hanno provveduto a organizzare i funerali.

Biasotto verrà ricordato domani alle 20 nella chiesa di San Pio X a Teson di Concordia, dove martedì alle 15 verranno celebrati i suoi funerali. Sconcerto nella frazione tesonese e anche
nella vicina Levada. A Concordia è stato informato il sindaco, Claudio Odorico, addolorato per l’accaduto. Gianni Biasotto lascia nel dolore la moglie Antonella, il figlio Luca, la mamma Alma e i fratelli Bruno e Graziano, oltre a vari altri parenti.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista