Quotidiani locali

schianto a motta  

Frontale fra due auto ferito gravemente un 58enne di Annone

MOTTA DI LIVENZA. Terribile scontro frontale ieri pomeriggio attorno alle 15. Due i feriti tra cui un uomo di 58 anni, R.F., residente ad Annone Veneto. L’incidente è avvenuto nel territorio di...

MOTTA DI LIVENZA. Terribile scontro frontale ieri pomeriggio attorno alle 15. Due i feriti tra cui un uomo di 58 anni, R.F., residente ad Annone Veneto. L’incidente è avvenuto nel territorio di Motta di Livenza, in via Quartarezza, nell’omonima frazione mottense dove c'è il confine fra i tre territori provinciali di Treviso, Pordenone (Frattina di Pravisdomini) e Annone Veneto (località Faè).

Sul posto è intervenuta la Polizia stradale di Vittorio Veneto.

In quel momento stava piovendo e l’asfalto era molto scivoloso. L’incidente è avvenuto all’altezza dell’azienda Basei, sempre in territorio di Motta, in via Quartarezza appunto. Il 58enne di Annone viaggiava su una station wagon di colore nero, come l’altra macchina coinvolta, una berlina guidata da una donna di 62 anni, F.E.M., residente a Ponte di Piave.

L’impatto è stato violentissimo. Le due persone sono state inizialmente soccorse dalla squadra dei vigili del fuoco del distaccamento di Motta di Livenza. Il Suem 118 ha mandato sul luogo un’ambulanza partita da Oderzo. Gli operatori sanitari hanno stabilizzato i feriti.

Dei due, il più grave sembrava proprio l’automobilista annonese. L’uomo è stato trasportato all’ospedale civile opitergino in condizioni gravi. Intanto, la strada è rimasta a lungo chiusa per permettere così alla Polizia stradale di Vittorio Veneto di eseguire i rilievi.


Il dedalo di strade della periferia di Motta di Livenza si conferma ancora una volta tra i più pericolosi della Marca trevigiana. Solo giovedì sera, nella circonvallazione mottense, aveva perduto la vita un noto imprenditore locale, Renato Bragato di 54 anni. (r.p.)

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista