Quotidiani locali

A SAN STINO E CEGGIA 

Arrestato il ladro che usa il foro sull’infisso

Cinque colpi in appartamento nella nostra provincia, è in Italia senza fissa dimora

SAN STINO. È accusato di furti messi a segno anche nella Città Metropolitana di Venezia, l’albanese Eduard Trushi, 32 anni, arrestato giovedì a Conegliano, nel trevigiano, dai carabinieri di Sacile e Aviano.

I colpi nella provincia di Venezia sono in tutto cinque. Altri furti di cui è accusato sono stati commessi a Casale sul Sile e Zenson di Piave L’uomo è in Italia senza fissa dimora. È accusato di resistenza, violenza a pubblico ufficiale, minaccia e ricettazione, oltre a violazione delle norme sul soggiorno degli stranieri.

Il sostituto procuratore della repubblica di Pordenone, Federico Facchin ha emesso un provvedimento di fermo di indiziato di delitto. Il fratello gemello Edmond è già in galera. Trushi è, infatti, accusato di numerosi raid assieme a complici non ancora individuati. Predilige, riferiscono i carabinieri, la tecnica del foro sull’infisso. È accusato di aver commesso tre furti su altrettante abitazioni a Ceggia, la notte del 21 ottobre,
due furti in abitazione a San Stino di Livenza, la notte del 23 ottobre.

Altri furti di cui Trushi è accusato sono stati commessi a Zenson di Piave (uno il 22 ottobre), e a Casale sul Sile il 15 ottobre quando sparì un’automobile Audi A4.

Rosario Padovano

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista