Quotidiani locali

cavarzere 

Chiedono soldi per il Pd, è una truffa

CAVARZERE. Tre euro per il Pd di Cavarzere. Li chiedevano, venerdì scorso, passando di casa in casa, in via Piave, e abbordando le persone al mercato, un uomo e una donna: lei mora e minuta, lui di...

CAVARZERE. Tre euro per il Pd di Cavarzere. Li chiedevano, venerdì scorso, passando di casa in casa, in via Piave, e abbordando le persone al mercato, un uomo e una donna: lei mora e minuta, lui di corporatura robusta. Non offrivano né materiale “politico”, né una qualche ricevuta e nessuno li conosceva. Per questi motivi alla segretaria del circolo Pd cavarzerano, Sabrina Perazzolo (nella foto), la strana richiesta è stata segnalata ben sette volte da persone diverse.

«La prima segnalazione mi è arrivata venerdì scorso», dice la Perazzolo, «mi sembrava talmente strampalata che non ci ho dato peso. Ma oggi (ieri, ndr) altre sei persone me l’hanno riferito e allora ho pensato che si trattava davvero di un tentativo di truffa. Ho avvisato gli organi di informazione e sporgerò denuncia ai carabinieri, contro ignoti».

Il Pd, quindi, non ha mai inviato nessuno a chiedere denaro per le case e la coppia in questione ha semplicemente usato l’imbroglio per raccattare qualche spicciolo.

Non sembra, comunque, che abbiano avuto molto successo: le persone che hanno segnalato i
fatti alla Perazzolo hanno detto di non aver dato nulla («Scusaci, ma non ci siamo fidati», le hanno detto): i partiti, ormai, non suscitano più molta empatia. Il che, in un caso come questo, è stato utile: i truffatori sono rimasti letteralmente a mani vuote.

Diego Degan

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon