Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Truffa delle carte carburante chioggiotto patteggia 14 mesi

CAMIN. Si sono spartiti 2.1654,03 euro frutto dei rimborsi incassati tramite le fuel card, tessere che i dipendenti utilizzano per pagare il carburante dei mezzi aziendali. Così ieri hanno chiuso il...

CAMIN. Si sono spartiti 2.1654,03 euro frutto dei rimborsi incassati tramite le fuel card, tessere che i dipendenti utilizzano per pagare il carburante dei mezzi aziendali. Così ieri hanno chiuso il conto con la giustizia, evitando il processo, i fratelli Carlo Gasparini, 46 anni di Albignasego, e Fabio Gasparini, 50 di Maserà, gestori della stazione di servizio Esso a Camin in via Vigonovese e Mariano Coppola, 41 anni di Chioggia, socio lavoratore di Log-in Vision e coordinatore degli autisti. Con giudizio abbreviato i primi sono stati condannati a 8 mesi (pena sospesa); il chioggiotto ha patteggiato un anno e 2 mesi (pena sospesa). I reati? Truffa e indebito utilizzo delle fuel card che hanno fruttato nel 2014 ben 13.780,03 euro e 7.874 euro dal gennaio al 7 aprile 2015.

L’inchiesta, coordinata dal pm Federica Baccaglini, ha verificato che a ogni card era collegato un camion. Tuttavia il “pieno” veniva effettuato anche quando il mezzo era fermo o in tutt’altra città rispetto a Camin dove risultava.(cri.gen.)