Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Primi contatti per l’elettrodotto interrato “nord”

SCORZÈ. Si torna a parlare dell’elettrodotto da Venezia nord (Gardigiano) a Volpago del Montello (Treviso). Ieri, la società gestore della rete elettrica nazionale, ha incontrato i rappresentanti...

SCORZÈ. Si torna a parlare dell’elettrodotto da Venezia nord (Gardigiano) a Volpago del Montello (Treviso). Ieri, la società gestore della rete elettrica nazionale, ha incontrato i rappresentanti dei Comuni di Scorzè e di Volpago per parlare del progetto. L’obiettivo è migliorare la stabilità e la qualità della trasmissione elettrica locale; la nuova stazione elettrica di Volpago dovrebbe risolvere gli attuali limiti della linea, consentendo di rendere le reti a 132 kiloVolt comprese tra Soverzene e Scorzè e quelle a 220 kiloVolt dell’area di Polpet, Cordignano, Scorzè e Venezia Nord, caratterizzate da elevati transiti di potenza, più moderne, sicure ed efficienti.

«Un approccio diverso di Terna rispetto al passato» spiega il sindaco Giovanni Battista Mestriner «e speriamo che il progetto tenga conto delle esigenze nostre e dei cittadini». Per realizzare i nuovi raccordi alla stazione, saranno posati circa 25 chilometri di cavi interrati, riducendo l’impatto ambientale. Saranno demoliti più di 14 chilometri di vecchi elettrodotti, quasi tutti a ridosso dei centri abitati, liberando i comuni di Trevignano, Volpago, Povegliano, Ponzano, Paese, Scorzé, Noale dai sostegni.

Alessandro Ragazzo