Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Passante, un camionista si sente male e muore in corsia d'emergenza

Il tir del camionista morto lungo il Passante, per un malore

L'uomo - un 54enne di Vittorio Veneto - è riuscito ad accostare, evitando un sicuro incidente 

MESTRE. Un camionista si sente male mentre percorre il passante di Mestre , riesce ad accostare a poca distanza dal casello di Spinea, in direzione di Trieste, si ferma e muore.

Un atto eroico quello del camionista, che ha avuto la forza di evitare un incidente.

È avvenuto dopo le 12.15 - come spiega una nota della Cav - il camionista stava guidando un tir carico di plastica, quando si è sentito male. È riuscito a fermare il camion contro la barriera laterale in cemento, a poche centinaia i metri dal sottopasso Caltana, al chilometro 377, in territorio di Mirano.

Dai filmati delle telecamere di CAV si nota il bilico inserirsi nella corsia di emergenza dell’autostrada, nel tentativo di guadagnare la prima piazzola di sosta. Alla fine il mezzo si ferma a poche centinaia di metri dal sottopasso Caltana, accostato contro il guardrail dopo una lunga decelerazione.

Il tir del camionista morto lungo il Passante, per un malore

Sul posto è intervenuta una pattuglia della Polstrada, che ha infranto il finestrino della cabina del tir per raggiungere il conducente, trovato però ormai privo di sensi. Inutile purtroppo il tentativo di salvarlo. Si tratta di un uomo del 1963, residente a Vittorio Veneto.

E’ stato fatto intervenire l’elicottero del Suem, atterrato sul terreno che costeggia l’autostrada e il cui equipaggio ha tentato inutilmente di praticare la rianimazione sul posto al malcapitato, oltre ai Vigili del Fuoco di Mestre e all’ambulanza del 118 di Mirano.

Gli ausiliari di Cav sono intervenuti con cinque mezzi, per le operazioni di segnalazione e supporto alla viabilità: è tuttavia bastato chiudere temporaneamente la prima corsia di marcia per permettere i soccorsi e la successiva rimozione del mezzo, senza alcun significativo disagio al traffico. Non si sono perciò verificati rallentamenti.