Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

I panificatori puntano su prodotti freschi e locali

DOLO. “Pane fresco” e “pane a chilometro zero” questi i prodotti su cui puntano i panificatori dell’associazione Artigiani della Riviera che si battono perché nelle tavole arrivi un prodotto genuino...

DOLO. “Pane fresco” e “pane a chilometro zero” questi i prodotti su cui puntano i panificatori dell’associazione Artigiani della Riviera che si battono perché nelle tavole arrivi un prodotto genuino e di qualità.

«I panifici», dicono il presidente Luca Vanzan e il segretario Giorgio Chinellato, «hanno affrontato la crisi economica con grande capacità. Il settore dei panificatori artigiani della Riviera comunque, a differenza di altri comparti, ha avuto meno impatti negativi dal periodo di crisie si è sempre contraddistinto per la ricerca di un prodotto di qualità e legato al territorio».

I panifici artigianali in Riviera sono circa una cinquantina di cui una trentina associati agli Artigiani. «Sono imprese» , dice Denis Riatto, capo categoria dei panificatori, «a conduzione familiare in cui lavorano circa 150 persone. Le famiglie della nostra zona al pane fresco e certificato non ci rinunciano, ed è proprio su questi prodotti che noi puntiamo. La dicitura “pane fresco”, tutelata da una specifica etichettatura proveniente da una legge regionale, permette al nostro prodotto di distinguersi». Altra iniziativa a favore della genuinità è il “pane a chilometro zero” che promuove la filiera locale coinvolgendo anche gli agricoltori. (g.pir.)