Quotidiani locali

SCORZÈ 

Imbrattano con il pomodoro il capitello della Madonna

SCORZÈ. Volevano far credere di aver imbrattato il capitello con del sangue. In realtà si è trattato di pomodoro, ma l’episodio ha indignato, eccome, la comunità di Scorzè. La notte di Halloween nel...

SCORZÈ. Volevano far credere di aver imbrattato il capitello con del sangue. In realtà si è trattato di pomodoro, ma l’episodio ha indignato, eccome, la comunità di Scorzè. La notte di Halloween nel Miranese non ha portato solo ubriachi all’ospedale e svastiche nei monumenti ma anche atti vandalici contro il simbolo religioso, dedicato alla Madonna, nel parco di via Torino a Scorzè.

Ignoti hanno lanciato la salsa contro il capitello che, a prima vista, poteva sembrare proprio del sangue, mentre invece, dopo i primi rilievi, si è capito era del normale sugo. Dell’episodio sono stati informati anche i carabinieri e anche il Comune.

Non solo, perché la notte fra il 31 ottobre e l’1 novembre, gli imbrattatori hanno colpito il monumento della biblioteca e delle vetture, facendo disegni volgari, lanciato uova e farina, imbrattando l’intera carrozzeria. Quella che avrebbe dovuto essere una notte di festa, si è trasformata in vandali in cerca di rovinare quando gli capitava a tiro.

Basti pensare a quanto successo a Martellago, con tre svastiche disegnate nell’arco di altrettante sere, sempre con uno spray di colore blu; le prime, tra martedì e mercoledì, lasciate
al Monumento dei Caduti di tutte le guerre di via Damiano Chiesa, angolo via Tito Speri, e l’altro in un muro vicino, sempre in quest’ultima strada. Nelle ore successive sono state ripulite. Tra venerdì e sabato, invece, in via Monsignor Longhin.

Alessandro Ragazzo

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista