Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Dolfin (Lega): «I Cinque stelle rischiano il danno erariale»

CHIOGGIA. «I 12 votanti Cinque stelle risponderanno davanti la Corte dei conti in un eventuale procedimento per danno erariale sulla delibera che regala a Actv il deposito di Borgo San Giovanni»....

CHIOGGIA. «I 12 votanti Cinque stelle risponderanno davanti la Corte dei conti in un eventuale procedimento per danno erariale sulla delibera che regala a Actv il deposito di Borgo San Giovanni». Non si placano le polemiche a tre giorni dal Consiglio urgente convocato con 24 ore di anticipo per evitare l’interruzione di pubblico servizio del trasporto urbano.

A riaccendere il fuoco è il consigliere della Lega Marco Dolfin che non ha digerito i commenti di alcuni consiglieri di maggioranza che hanno accusato l’opposizione di essersi defilata. «L’unico che si è defilato è stato il sindaco», spiega Dolfin, «che dopo aver difeso a spada tratta la delibera per cinque ore, al momento del voto se n’è andato lasciando il cerino in mano ai suoi e facendo mancare, per un voto, l’immediata eseguibilità. Abbiamo tentato per ore di dissuaderli da una direzione pericolosa, che espone la città a un danno patrimoniale. Pareva anche che l’avessero capito quando hanno deciso di sospendere il Consiglio per rivedere la delibera, invece sono tornati in aula pronti a votare il provvedimento così com’era. E ora se ne assumeranno la responsabilità».

Il provvedimento abbinava la firma del contratto di servizio per il trasporto urbano, urgente dopo il monito del Prefetto del 24 ottobre, alla cessione del deposito di Borgo (100.000 metri quadri del valore di 1.300.000 euro) per tacitare il contenzioso aperto da Actv per il presunto disavanzo dal 2001 al 2008, stimato in 13 milioni di euro. «Le due cose andavano separate», spiega Dolfin, «il disavanzo non compare in nessun bilancio Actv e mai il Tribunale ci avrebbe costretto a pagare. Chi ha approvato questo regalo, tra cui due consiglieri che lavorano per Avm e sono in evidente conflitto di interessi, sarà chiamato a risponderne». (e.b.a.)