Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Case popolari bando di vendita per sette alloggi

CAVARZERE . «Non è colpa mia se la gente non compra le case». La reazione del sindaco, Henri Tommasi, alle recenti critiche del consigliere di opposizione Emanuele Pasquali, sulla gestione delle case...

CAVARZERE . «Non è colpa mia se la gente non compra le case». La reazione del sindaco, Henri Tommasi, alle recenti critiche del consigliere di opposizione Emanuele Pasquali, sulla gestione delle case popolari, è comprensibile.

Ma davvero il Comune fa tutto il possibile per vendere? Alcune settimane fa (prima delle mosse di Pasquali, va detto) il Comune aveva deciso di riprovare a vendere le sue case popolari sfitte. Il bando sarà pubblicato a breve e riguarda sette alloggi: sei nel capoluogo (uno in via Pavanello, cinque in via Marco Polo) e uno a Boscochiaro (via 24 maggio), per un possibile incasso di circa 433mila euro. È questo il quarto bando che il Comune lancia, dal 2013, su 16 case di sua proprietà ma le vendite, finora, sono state solo due. Il primo bando, nel settembre 2013, riservato come prima casa, aveva fatto vendere un solo alloggio; il secondo, a novembre, aperto a tutti, era andato deserto. L’anno dopo, a giugno, con il terzo bando e con un ribasso dei prezzi del 10%, era stata venduta un’altra casa. Poi tutto si è fermato, fino a quest’anno, quando il Comune ha deciso di togliere dalla lista sette appartamenti di Corso Europa, e mettere in vendita i rimanenti sette, senza ulteriori ribassi. Ma basta vederne uno dall’esterno, quello di via Marco Polo 35, ad esempio, offerto a 55.530 euro, per capire che non sarà facile piazzarlo. Il piccolo cortile, infatti, è invaso da erbacce e arbusti che impediscono, a un ipotetico acquirente, anche solo di entrarci. (d.deg.)