Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Reyer, la prima sconfitta arriva contro Torino

Orelik in azione al Taliercio contro Torino (foto Editoriale Report)

Orelik (24 punti) non basta: i torinesi espugnano il Taliercio 91-95. I veneziani lasciano alla Germani Brescia la leadership solitaria della classifica

MESTRE. Cade la Reyer, trionfa Torino 91-95: primo stop in campionato per i tricolori che lasciano alla Germani Brescia la leadership solitaria in classifica. Orelik (24 punti) non basta, Torino sospinta da Patterson (23) e Garrett (21) espugna il Taliercio.

Reyer e Auxilium lasciano il palcoscenico europeo e viaggiano a gran ritmo in campionato: Watt si diverte con Mbakwe in avvio (11-5), l’ex Vujacic trova un bel mastino in Johnson, ma Torino corre e Patterson trova soluzioni ottimali in attacco (17-20). L’ingresso del lituano Orelik rivitalizza il gioco dell’Umana (25-23) con 9 punti consecutivi (34-25). Venezia sembra involarsi, ma coach Banchi trova in Beppe Poeta l’arma vincente e la musica cambia: il play costruisce (2 assist, 2 palle recuperate) e finalizza (8 punti) tanto che la Fiat ritorna a contatto (40-38). Dopo la prima tripla di Vujacic, Mbakwe riporta avanti i piemontesi (42-43).

I tricolori (Haynes con 3 falli, De Nicolao non decolla) vanno in tilt, incassano un break di 11-25 (da 34-25 a 45-50), frutto delle 10 palle perse a metà gara, ma anche dell’80% al tiro (12/15) concesso agli avversari. Il ritorno di Peric consente alla Reyer di risalire e sorpassare (59-56), gara che viaggia a sprazzi, Garrett opera l’ennesimo sorpasso (62-66) e la Fiat alla terza sirena è sul +9 (65-74). Venezia accusa la stanchezza, Torino controlla a lungo nell’ultimo quarto, ma poi deve fare i conti con l’orgoglio dei campioni d’Italia (70-81), che trovano in Orelik e nel giovane Bolpin gli artefici dell’aggancio (85-85) con 2’21” da giocare. Questa volta alla Reyer non riesce il colpo gobbo, Paterson firma lo strappo decisivo (87-93) che costringe alla resa Venezia.