Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Gli stabilimenti storici di Porto Marghera saranno illuminati e colorati

L’annuncio a margine della presentazione della mostra allestita a Palazzo Ducale. Brugnaro: non è un'area fantasma

MESTRE. La novità più immediata, sarà l’illuminazione notturna e colorata degli stabilimenti storici di Porto Marghera: «Dobbiamo far vedere le nostre industrie, dimostrare che esistono, che quest’area è produttiva, non un fantasma».

A margine dell’inaugurazione a Palazzo Ducale della mostra sui 100 anni di Porto Marghera (che presentiamo nelle pagine della Cultura), il sindaco Brugnaro è andato a ruota libera sui progetti grandi e piccoli che investiranno l’area.

Porto Marghera, viaggio tra i capannoni e le fabbriche abbandonate



Eppur si muove... In mattinata, era stato in sopralluogo con Eni sulle aree dei famosi 110 ettari di Porto Marghera - 107 per la precisione - che l’azienda si è impegnata a cedere al Comune, perché vengano assegnate a nuove imprese. Nel primo pomeriggio, ha incontrato i vertici della centrale Enel di Fusina, assicurando loro che avranno - come richiesto - più cdr (il carburante ricavato dai rifiuti, fornito da Veritas) con più qualità calorica.



Naturalmente i “se” e i “quando” sono molti: quando arriveranno dal ministero i milioni attesi da anni per completare la “muraglia”, quando si arriverà al rogito per il passaggio di proprietà, come promuovere le aree differenziandole per vocazione, fare i bandi.

«Ma non si parte da zero. Porto Marghera non è un’area morta: ci sono Eni, Fincantieri, Pinkington, le officine aeronavali e altri che ringrazio. La questione del trasferimento delle navi a Marghera è in via di soluzione, come l’interramento della rete di Terna».

Capannone ai sindacati. Infine, Brugnaro ha confermato l’intenzione «di cedere alle organizzazioni sindacali il Capannone del Petrolchimico, luogo simbolo della vita e delle lotte degli operai di Porto Marghera che è giusto siano i lavoratori a gestire».

©RIPRODUZIONE RISERVATA