Quotidiani locali

cavarzere. vertenza taglia & cuci 

I sindacati: «Servono corsi professionali»

CAVARZERE. Un progetto di riqualificazione formativa per accompagnare le lavoratrici della Taglia & Cuci in un percorso professionale alternativo. Sarà anche questo il tema di una prossima...

CAVARZERE. Un progetto di riqualificazione formativa per accompagnare le lavoratrici della Taglia & Cuci in un percorso professionale alternativo.

Sarà anche questo il tema di una prossima iniziativa (nella prima metà di novembre) che i sindacati Femca-Cisl e Filctem-Cgil organizzeranno a Cavarzere per sensibilizzare istituzioni e cittadini sulla situazione che si è creata in città da quando, all’inizio di agosto la ditta, intestata a Stefano Evstifeev (che aveva “ereditato” le lavoratrici dalla Fashion Jeans dei fratelli Paolo e Gianni Stoppa) ha licenziato, di punto in bianco, 50 dipendenti, ancora oggi quasi tutte disoccupate e senza stipendio. Agli incontri, tenuti con i tecnici (ma non i politici, seppure invitati) della Regione, per discutere una possibile soluzione, la proprietà non si è mai presentata (e neppure, va detto, l’amministrazione comunale cavarzerana che, pure, si era impegnata a seguire la vicenda) e ora i sindacalisti, Francesco Coco (Cisl) Davide Stoppa (Cgil) chiedono che la politica scenda in campo per permettere alle lavoratrici di usufruire di corsi di riqualificazione finalizzati alla ricerca di un nuovo lavoro. Ma non c’è solo questo. C’è, ribadiscono Coco e Stoppa, un sistema che vede, da diversi anni, aziende apparentemente sane e destinatarie di importanti commesse di lavoro, chiudere e riaprire, magari con lo stesso personale, ma sotto altro nome, lasciando sulle spalle dell’Inps, quindi della collettività, il pagamento di stipendi arretrati, tfr e altri oneri. Non di problemi di crisi economica
si tratterebbe, quindi, secondo i due sindacalisti, ma di scelte “imprenditoriali” ai limiti della legalità in merito alle quali sono già stati interessati gli organi ispettivi preposti ma su cui anche gli amministratori pubblici dovrebbero riflettere.

Diego Degan

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista