Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Salvaguardia a Venezia, Mose e il giallo dei 266 milioni "scomparsi"

È la cifra che manca all’appello per interventi prescritti dall’Europa dopo la procedura di infrazione e mai realizzati

Quel che c'è da sapere sul Processo Mose

VENEZIA. Il “giallo” delle opere ambientali mai fatte: 266 milioni di euro di lavori di cui si è persa ogni traccia. Eppure era stata l’Unione europea a stabilire dieci anni fa che per chiudere la procedura di infrazione per “danni ambientali” provocati dai cantieri del Mose, il Consorzio avrebbe dovuto realizzare «interventi di compensazione» in laguna.

Accantonando ogni anno le somme necessarie: 266 milioni che adesso mancano all’appello. Uno dei temi di cui si discuterà al prossimo Comitatone, convocato per il 7 novembre a palazzo Chigi. Due i temi all’ordine del giorno: la Legge Speciale (e il Mose) e le grandi navi, con la proposta del nuovo terminal a Marghera.

Processo Mose, la lettura della sentenza: condannato l'ex ministro Matteoli, assolto l'ex sindaco Orsoni



Sul fronte Mose si dovranno ripartire i 221 milioni stanziati dalla Finanziaria per il completamento delle opere. E decidere la strategia per il prossimo futuro, in vista della gestione del sistema. Una fase che durerà tre anni, fino alla consegna delle opere prevista il 31 dicembre 2021. Si dovrà decidere anche la nuova cabina di comando. Il ministro Graziano Delrio ha annunciato decisioni, dopo un vertice con Cantone e i commissari che guidano il Consorzio. Per la fase della manutenzione saranno necessari altri 105 milioni di euro l’anno.

Tangenti Mose, assolta Piva: "Nessuno mi resituirà 3 anni di vita"

Totale dei costi: 266 milioni di euro. Che allora, dieci anni fa, il Consorzio Venezia Nuova avrebbe dovuto mettere da parte. Per realizzare gli interventi richiesti dal ministero dell’Ambiente e dal Comune – e alla fine certificati dall’Europa – e dunque in qualche modo «riparare» al danno ambientale provocato in laguna. Ma allora i rapporti di forza erano diversi. Il Consorzio guidato dal padre-padrone Mazzacurati poteva anche cambiare atti e delibere. Fatto sta che molti di quegli interventi non si sono mai visti. E gli «accordi di programma», Conferenze di servizi ante litteram per i lavori in laguna tra Stato, Regione e Comune, non si fanno più. All’appello mancano 266 milioni.

©RIPRODUZIONE RISERVATA