Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Film su Menocchio a Portogruaro

Il mugnaio giustiziato nel Cinquecento dalla Santa Inquisizione 

PORTOGRUARO. La magia del cinema in pieno centro ieri a Portogruaro e a Concordia Sagittaria. Il fiume Lemene è diventato il set naturale per le riprese del film Menocchio, ambientato nel Cinquecento, che ripercorre le orme di un personaggio molto noto delle cronache post-medievali, condannato a morte dalla Santa Inquisizione. Le riprese sono girate da Alberto Fasulo, il regista di San Vito al Tagliamento, vincitore del Marc’Aurelio d’oro alla Festa del Cinema di Roma, nel 2013, con “Tir”.

Il regista ha eseguito le riprese su una caorlina, il mezzo per eccellenza di allora. Il lungometraggio è prodotto da Nefertiti Film di San Vito e da Rai Cinema. Menocchio, che fu podestà di Montereale Valcellina, fu riscoperto nel 1979 dopo un libro di Carlo Guizburg. La regia è di Alberto Fasulo, che scrive la sceneggiatura assieme a Enrico Vecchi. (r.p.)