Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Cesare Musatti sarà ricordato con un convegno

DOLO. Nel 120° anniversario della sua nascita, Dolo ricorda Cesare Musatti con una serata-evento il 16 novembre al cinema Italia. Era il 1897 quando Cesare Lodovico Musatti nacque nella casa di...

DOLO. Nel 120° anniversario della sua nascita, Dolo ricorda Cesare Musatti con una serata-evento il 16 novembre al cinema Italia. Era il 1897 quando Cesare Lodovico Musatti nacque nella casa di Riviera Martiri della Libertà, oggi confinante con villa Ducale, nella località dolese che fu poi a lui dedicata.

Genio eclettico e scienziato rigoroso, Musatti è considerato il padre della Psicoanalisi italiana. Persona sensibile e costantemente in relazione con gli altri, attraverso curiosità e dedizione, affrontò l’allontanamento forzato a causa delle leggi razziali (padre ebreo e mamma cattolica) dalla cattedra di Psicologia dell’Università di Padova, nella quale aveva sostituito il suo maestro Vittorio Benussi.

«A 120 anni della sua nascita», spiega il sindaco Alberto Polo, «vogliamo ricordare l’illustre concittadino attraverso una rilettura del suo percorso umano, culturale e scientifico mettendo in luce quei valori e principi etici propri al nostro territorio, che hanno connotato l’educazione e orientato l’esistenza del noto scienziato».

L’incontro con i massimi esperti del pensiero musattiani, è il frutto di un tavolo di lavoro. Relatori saranno Giulio Vidotto, Assaad Marhaba, Massimo Grassi e Andrea Bobbio docenti di Psicologia a Padova, Patrizia Paiola, presidente del Centro veneto di psicoanalisi, con gli psicoanalisti Alberto Schön e Andrea Braun, e ad Alessandro De Carlo, presidente dell’Ordine degli Psicologi del Veneto. (g.pir.)