Quotidiani locali

Carico e scarico in centro a Mestre, rivoluzione degli accessi

Mestre. Regole uguali per tutti e la possibilità di dichiarare l’accesso entro le 48 ore. Disagi in via Colombo dopo il via libera alle auto, e il 31 aprirà la Vallenari Bis 

MESTRE. La giunta comunale sta preparando una delibera per rivoluzionare il sistema del carico scarico per commercianti e residenti nella grande area pedonale del centro di Mestre. Regole comuni per l’area che si estende da piazzale Donatori di Sangue e via Rosa, da via Ospedale al Candiani comprendendo via Manin da una parte, e le vie Rosa, Poerio, Riviera XX Settembre dall’altra. Due ore di accessi consentiti la mattina, altre due al pomeriggio, con permessi temporanei ai residenti (il tempo di portare la spesa fino a casa e poi uscire con l’auto). Un sistema di accessi uniformato e la possibilità di comunicare i passaggi per necessità urgenti, vedi interventi manutentivi, entro 48 ore dall’avvenuto transito. Evitando le multe. Come fa Padova.

Test sui nuovi varchi. La rivoluzione del carico scarico è il preludio alla prossima accensione dei varchi di controllo dell’area pedonale. I nuovi varchi sono in fase di test. Sono posizionati tra via Sauro e via Ospedale, all’inizio della Riviera, in via Verdi e in piazzale Donatori di Sangue. Presto saranno accesi, ha confermato ieri l’assessore alla mobilità Renato Boraso che ha annunciato il provvedimento alla quarta commissione riunita in Municipio a Mestre e che ha finito, immancabilmente, con il discutere di zone pedonali e di zone a traffico limitato.

Discussione sulle Ztl. Oggi le Ztl sono per metà sospese. Ma in via Colombo i residenti si lamentano perché la strada è diventata una camera a gas. Boraso ha replicato, spiegando che il traffico è aumentato in via Colombo durante i lavori in via Sansovino collegati alla realizzazione della Vallenari bis, nuova viabilità da Favaro e Bissuola verso Mestre che verrà inaugurata il 31 ottobre a mezzogiorno. «Per il resto in via Colombo passano poche auto. Meno di quelle che inquinano via Fradeletto. Aprire la Vallenari bis porterà benefici su via Colombo, riducendo il traffico di attraversamento salvo i passaggi di chi si trova in piazza Barche e non può fare il giro della città», precisa Boraso.

Pro e contro. Dalla maggioranza, con Giorgia Pea e Silvana Tosi, l’invito ad eliminare completamente le Ztl come da programma del sindaco. Ma farlo non è facile, dice Renzo Scarpa del gruppo misto, perché sospendendo la Ztl di via Colombo, il tram rallenta la sua velocità. Una errore che si somma al fatto che ci sono pochissime corsie preferenziali per il trasporto pubblico. Studi e verifiche vengono chiesti da Scarpa mentre Ferrazzi e Pellicani, per il Partito Democratico, sollecitano che del tema si discuta in una specifica commissione valutando pro e conto del provvedimento. «Non siamo tutti per abolire le Ztl», ricorda Pellicani, polemico con l’andazzo preso in commissione. Boraso ascolta e conferma che la sospensione di parte delle zone a traffico limitato è certa anche per tutto il 2018 ma si dice pronto ad una «valutazione complessiva che è necessaria» con la commissione.

Presunte discriminazioni. Le due interpellanze discusse in commissione sono quelle del cinque stelle Davide Scano che ha puntato il dito contro presunte discriminazioni per permessi a residenti nella zona a traffico limitato di Parco Ponci. È stato confermato dagli uffici di Boraso il caso della signora che a Parco Ponci, vicino al Torresino, fino a marzo 2017 ha goduto di un pass gratuito di sosta nei giorni di mercato mentre i vicini non hanno avuto mica la stessa fortuna. Pass scaduto e poi trasformato, ha chiarito Boraso, in un abbonamento temporaneo su strisce blu. La donna lamentava di non poter accedere, causa mercato, al suo passo carraio e di avere un marito bisognoso di cure. La soluzione ha portato ad una interpretazione del Codice della strada fantasiosa e

non rigorosa. L’altra interpellanza di Scano ha evidenziato il caos permessi in via Ospedale con residenti favoriti rispetto alle attività commerciali della zona.

A conferma che servono nuove regole, uguali per tutti. .

©RIPRODUZIONE RISERVATA
 

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista