Quotidiani locali

delitto noventa, il legale della cacco chiederà lo sconto di pena 

«Manuela non è stata complice dell’omicidio»

CAMPONOGARA. «In appello dimostrerò che Manuela Cacco non ha partecipato all’ideazione del delitto di Isabella Noventa insieme ai fratelli Debora e Freddy Sorgato. Se Manuela è ritenuta credibile...

CAMPONOGARA. «In appello dimostrerò che Manuela Cacco non ha partecipato all’ideazione del delitto di Isabella Noventa insieme ai fratelli Debora e Freddy Sorgato. Se Manuela è ritenuta credibile dalla Procura e dal Tribunale di Padova nelle ricostruzioni che ha fatto, non può esserlo solo in parte, ma va creduta in tutta la sua testimonianza e deposizione dei fatti». A dirlo è Alessandro Menegazzo, l’avvocato difensore di Manuela Cacco, la tabaccaia di Camponogara coinvolta nell’assassinio della segretaria padovana Isabella Noventa. Secondo il Tribunale di Padova, Manuela vi sarebbe complice nell’ideazione dell’omicidio assieme ai fratelli Freddy e Debora Sorgato. Per questo è stata condannata a 16 anni nel processo di primo grado, mentre i fratelli Sorgato hanno avuto 30 anni ciascuno.

L’avvocato Menegazzo fa sapere che in questi giorni, insieme alla sua assistita che incontrerà nel carcere femminile della Giudecca a Venezia, studierà le motivazioni espresse per l’emissione della sentenza che sono di circa 350 pagine. «È stato – come evidenziato anche dalla magistratura – un processo indiziario in cui mancava la prova regina, cioè il corpo della vittima, Isabella Noventa», dice il legale. L’obiettivo della difesa è arrivare a una pena definitiva inferiore ai 10 anni. «Depositeremo la richiesta di appello a inizio dicembre. La strategia che perseguiremo anche nelle prossime settimane è quella che abbiamo sempre portato avanti: Manuela Cacco non è coinvolta nell’ideazione del delitto. Ha solo aiutato Freddy Sorgato, a cui si sentiva ancora legata affettivamente,
a compiere la messinscena, a fatti però ormai compiuti. Si tratta insomma a nostro avviso di favoreggiamento e non complicità in omicidio. Puntiamo a un fortissimo sconto di pena rispetto alla sentenza di primo grado, il tutto presentando appello».

Alessandro Abbadir

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista