Quotidiani locali

Sciopero, trasporti a rischio misure anti-smog sospese

La protesta dei sindacati di base domani interesserà autobus e vaporetti Previsti disagi anche per l’astensione dei lavoratori di Veritas e nelle scuole

MESTRE. Una sfilza di scioperi interesserà domani i servizi pubblici e in particolare i trasporti pubblici e l’autotrasporto privato.

Tant’è che n via del tutto eccezionale, l’amministrazione comunale, per ridurre i disagi ai cittadini, sospenderà le misure di limitazione del traffico veicolare – nel quadro delle misure anti-smog – per la sola giornata di domani. Lo sciopero generale nazionale di 24 ore per tutte le categorie è stato indetto dai sindacati autonomi e di base (Sgb, Cub/Si, Cobas/Usi, Ait/Slai-Cobas) contro il Jobs Act e la riforma della Buona scuola, la legge Fornero, la Legge di stabilità e coinvolgerà anche il servizio di raccolta rifiuti (Veritas) la sanità, le scuole statali e l’università.

Trasporti pubblici. L’astensione dal lavoro interesserà – dalle ore 21 di oggi alle 21 di domani – anche i trasporti pubblici (Actv, Atvo, aeroporti, ferrovie). Circoleranno regolarmente le Frecce di Trenitalia mentre per i treni regionali, il cui programma potrà essere oggetto di alcune modifiche, si ricorda che sono garantiti i servizi essenziali assicurati per legge nei giorni feriali, nelle fasce orarie più frequentate dai viaggiatori pendolari (6-9 e 18-21). A rischio anche i servizi di terra negli aeroporti garantiti dagli handlers e per quanto riguarda il trasporto locale Avm e Actv informano che lo sciopero di venerdì interesserà il personale dei settori navigazione e automobilistico e potrebbe coinvolgere anche il personale delle biglietterie e punti vendita Venezia Unica. Actv ha comunicato che garantirà nel settore automobilistico le fasce orarie 6-8.59 e 16.30- 19.29; il servizio di oggi terminerà regolarmente alle ore 2.30 del 27 ottobre, per poi riprendere alle 3.30 del 28. Per quanto riguarda il settore navigazione saranno «garantiti i consueti servizi minimi». Il People Mover sarà in servizio.

Autotrasporto privato. Domani è anche la prima delle tre giornate di sciopero nazionale (le altre due sono in calendario per 30 e 31 ottobre) nei settori della logistica, autotrasporto e spedizioni, per il rinnovo del contratto nazionale. A proclamare le tre giornate di protesta sono i sindacati Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti che accusano le controparti imprenditoriali (Confetra, Ania, Fai) di «voler peggiorare tutele e diritti acquisiti dai lavoratori e non garantire l’unicità del contratto nazionale». Nel Veneziano lo sciopero di domani riguarderà le aziende di autotrasporto
che effettuano il servizio di trasporto carburanti (Bertani, Levorato, aziende che lavorano per Eni e Petroven), latte e medicinali per gli ospedali (Zanardo); il 30 e il 31 toccherà le aziende di consegna merci come Dhl, Ubs, Cts e altri. (g.fav.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista