Quotidiani locali

Eraclea, con i cani alla ricerca del polacco scomparso

ERACLEA. Continuano anche con l’impiego dei cani molecolari le ricerche del 44enne polacco Dariuz Medrek di Eraclea, scomparso da domenica scorsa. Ieri è stato portato sul posto, vicino al ponte di...

ERACLEA. Continuano anche con l’impiego dei cani molecolari le ricerche del 44enne polacco Dariuz Medrek di Eraclea, scomparso da domenica scorsa. Ieri è stato portato sul posto, vicino al ponte di Eraclea, un cane labrador da fiuto molto sviluppato in grado di seguire le tracce di persone scomparse. Si tratta di cani che vengono ad esempio utilizzati per le ricerche sotto le macerie dopo i terremoti.

Dariuz, Dario per gli amici, vive con la famiglia, moglie e due figli, a Eraclea da circa un anno e mezzo e lavora come operaio in un’azienda agricola. Ora le ricerche sono attivate via terra, in acqua con i sommozzatori e anche con l’elicottero. È stato inoltre utilizzato un georadar speciale in grado di arrivare fino al fondale e ricercare nel fango e la melma. Il commissariato della polizia di Jesolo prosegue parallelamente nelle indagini senza escludere alcuna ipotesi, anche se quella più accreditata al momento resta l’allontanamento per motivi legati alla famiglia, forse dopo un litigio. La moglie ha sempre seguito personalmente
le ricerche dalle rive del fiume dove domenica alle 4.30, sulla pedana ciclopedonale, era stato trovato il suo telefono cellulare accanto a una bottiglia di vodka. L’uomo quando ha lasciato casa indossava un paio di jeans, scarpe da ginnastica e una felpa grigia. (g.ca.)

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista