Quotidiani locali

Consorzio di bonifica, tutti gli uffici a Noale

Traslocheranno le sedi di Mestre e Mirano. Nell’edificio Carraro gli spazi per la nuova biblioteca

NOALE. Tutti gli uffici del consorzio di bonifica Acque Risorgive si trasferiranno a Noale. La decisione ufficiale è stata presa lunedì sera, quando l’assemblea dell’ente ha invitato il presidente Francesco Cazzaro a prendere contatto con la sindaca Patrizia Andreotti per definire l’operazione che porterà una settantina di dipendenti nell’area dell’ex consorzio agrario di via Rossi, in disuso da anni. Qui sarà costruita la nuova sede, liberando quelle di Mestre e Mirano, mentre il Comune si farà carico, oltre a costruire la biblioteca nell’edificio Carraro, su via Rossi, di realizzare una passerella carrabile di collegamento tra l’area e il parcheggio degli autobus. Senza dimenticare la stazione dei treni, distante un chilometro, o giù di lì.

«Ringrazio l’assemblea per aver sostenuto una scelta», spiega Cazzaro, «che arriva al termine del processo di fusione dei due vecchi consorzi, Dese Sile e Sinistra Medio Brenta. Noale non è solo baricentrica rispetto al territorio gestito da noi, 52 Comuni nelle province di Padova, Treviso e Venezia, ma è anche un posto dal grande valore ambientale, circondato dal fiume Marzenego, corso d’acqua tra l’altro scelto per il nostro primo “Contratto di fiume”. Alla base dell’intesa con Noale c’è la reciproca volontà di rivitalizzare un’area urbanistica di grande valore».

Via Rossi è a pochi metri dalle scuole e da piazza Castello; adesso Cazzaro e Andreotti si siederanno attorno a un tavolo per definire punto per punto un accordo che, di fatto, ha già delle basi. Intanto Acque Risorgive acquisterà il terreno dal Comune per un importo di 260 mila euro dove andrà a erigere la nuova sede destinata ad accogliere gli uffici ora a Mestre e Mirano. Sorgerà una sala polifunzionale da 150 posti e potrà essere usata, gratis, pure da Noale.

L’altra notizia è la nuova biblioteca che, a questo punto, ha gli anni contati nella sede attuale di piazza XX Settembre, considerata fatiscente. «È un risultato importante», dice Andreotti, «per una città che da decenni attende di sistemare quella superficie così vasta, centrale e strategica. Noale accoglierà un ente vitale per il nostro territorio e per l’ambiente. Per noi i benefici saranno vari: una biblioteca moderna, ben organizzata con un piano dedicato solo all’infanzia, la moderna sala assemblee completerà uno spazio da restituire ai noalesi dopo anni di inutilizzo.
Infine avremo una nuova area verde a disposizione dei cittadini».

Nella fascia verde vicina al Marzenego si prevede di costruire un percorso didattico, che Acque Risorgive potrà utilizzare per le attività dedicate alle scuole del comprensorio.

Alessandro Ragazzo

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista