Quotidiani locali

Parcheggi blu o bianchi? A San Donà si preparano i ricorsi

Automobilisti contro le numerose multe delle scorse settimane nel parcheggio di via Jesolo. Prima era gratuiro, ora è diventato a pagamento. Ma le strisce bianche si confondono con quelle blu

SAN DONÀ. Parcheggi a pagamento in via Jesolo, si preparano i ricorsi contro le multe: si vedono ancora le strisce bianche. Anche ieri un residente ha parcheggiato l'auto nell'ampio parcheggio che è stato a suo tempo realizzato a metà della via e che inizialmente era gratuito.

leggi anche:

Poi sono arrivate le strisce blu, quindi la sosta a pagamento, che però è stata delimitata solo in parte, senza coprire le originarie strisce realizzate con cubetti di marmo bianco. La striscia blu è dunque solo davanti, all'ingresso dei parcheggi e non di lato. Quando un residente ha preso la multa per non aver pagato il ticket, si è ribellato e ha annunciato ricorso al Giudice di Pace.

«Io ho visto le strisce bianche», racconta N. G., «non quelle blu. In fondo sono quelle bianche a essere più visibili per chi guida. Io ricorrerò per questo in quanto ritengo che questa delimitazione non sia regolare e rispettosa del codice della strada. E invito tutti quanti hanno preso sanzioni in questo parcheggio a ribellarsi come faccio io».

Altri automobilisti hanno rilevato questa incongruenza. «Anche secondo me», dice R. C. residente a San Donà, «quei parcheggi non possono essere validi. La striscia blu è solo esterna, all'inizio. È lecito, quando si entra con l'auto, vedere solo quella bianca ben evidente ai lati. Possiamo capire che ci sono anche i cartelli segnaletici e i ticket, ma in ogni caso quella delimitazione non può essere regolare e non corrisponde alle indicazioni del codice della strada o le normative in materia di parcheggi».

I parcheggi di via Jesolo avevano sollevato le proteste dei residenti e anche dell'opposizione in Consiglio comunale. Le aree di sosta erano state realizzate assieme alle palazzine della zona, inizialmente gratuite. Successivamente, il Comune aveva introdotto la sosta a pagamento per garantire una maggiore turnazione. E, infatti, le auto parcheggiate sono diminuite notevolmente rispetto a quando i parcheggi erano gratuiti e senza disco orario.

leggi anche:

Finora non sono ancora stati presentati ricorsi, ma questo primo caso potrebbe scatenare polemiche e ulteriori ricorsi. Bisognerà vedere se il giudice riterrà regolare la delimitazione della sola parte finale e se considererà sufficiente la segnaletica verticale comunque presente.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista