Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Il centrodestra si schiera contro l’elettrodotto

VIGONOVO. Sindaci, amministratori e consiglieri comunali del centrodestra della Riviera si schierano contro il progetto di elettrodotto aereo “Dolo-Camin” proposto da Terna e chiedono il suo...

VIGONOVO. Sindaci, amministratori e consiglieri comunali del centrodestra della Riviera si schierano contro il progetto di elettrodotto aereo “Dolo-Camin” proposto da Terna e chiedono il suo interramento totale. La posizione è stata ribadita nei giorni scorsi durante un incontro a sostegno del referendum sull’autonomia del Veneto organizzato a Pianiga. «Il progetto dell’elettrodotto aereo», dice Filippo Fogarin, ex vicesindaco e consigliere di opposizione a Vigonovo, «ha un tracciato complessivo di poco meno di 15 km, dei quali 3, 4 km nella provincia di Padova e i restanti si diramano lungo la Riviera, per la maggior parte nel comune di Dolo per 4, 95 km e Vigonovo 2, 8 km. L’elettrodotto aereo è previsto lungo il tracciato dell’Idrovia e passa a poca distanza dei centri abitati di Vigonovo e Sambruson, pregiudicando la salute dei numerosi residenti, e provocando la svalutazione del valore degli immobili. Inoltre l’elettrodotto aereo deturperà la bellezza della Riviera e delle sue ville Venete, pregiudicando la sua attrattività turistica». Viene ribadita la posizione a favore dell’interramento totale della tratta. «Gli amministratori del centrodestra», prosegue Fogarin, «chiedono con forza l’interramento dell’elettrodotto aereo lungo il tracciato dell’Idrovia, in modo da tutelare la Riviera e la salute dei suoi cittadini, garantendo contemporaneamente uno sviluppo tecnologico».

Giacomo Piran