Quotidiani locali

Croce Verde futuro incerto a Cavallino

CAVALLINO. Ancora nessuna certezza di rinnovo della convenzione per il 2018 a favore della Croce Verde di Cavallino-Treporti, da 40 anni operatore sanitario di eccellenza nelle emergenza del litorale....

CAVALLINO. Ancora nessuna certezza di rinnovo della convenzione per il 2018 a favore della Croce Verde di Cavallino-Treporti, da 40 anni operatore sanitario di eccellenza nelle emergenza del litorale. È l’esito del recente incontro, nell’imminenza dell’uscita del comune dall’Usl 3 da gennaio prossimo, fra l’associazione che ha effettuato 1.560 interventi in emergenza nel 2016 e 1.455 fino ad oggi nel 2017, e i vertici dell’Usl 4, alla presenza del direttore generale Carlo Bramezza, della direttrice amministrativa Michela Conte, e del direttore dipartimento emergenza dottor Fabio Toffoletto. Oltre ai membri del direttivo era presente il presidente regionale Anpas Veneto, Lamberto Cavallari, ed il coordinatore infermieristico Valter Sartor.

«Su nostra richiesta», puntualizzano dal direttivo della Croce Verde, «si è tenuto l’incontro, purtroppo ancora interlocutorio, con il direttore sanitario dell’Usl 4, per verificare le condizioni necessarie per assicurare continuità al rapporto instaurato con l’azienda sanitaria veneziana. I rappresentanti dell’Usl 4 ci hanno chiesto di produrre dati sul servizio svolto dalla Croce Verde che provvederemo a inviare, in aggiunta ai bilanci e alla relazione sulla nostra attività che
avevamo già presentato e soprattutto al progetto di collaborazione per i servizi di emergenza consegnato lo scorso aprile, all’Usl del Veneto Orientale. Ci preoccupa la situazione di incertezza che ha causato la perdita di alcuni storici collaboratori».

Francesco Macaluso

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista