Quotidiani locali

B&B abusivi a Venezia, già 412 segnalazioni

Il portale del Comune viaggia a una media di quattro al giorno, tutte vagliate dall'Ufficio tributi

VENEZIA. Oltre 400 segnalazioni in meno quattro mesi. Per l'esattezza sono 412, dato aggiornato al primo ottobre, le segnalazioni giunte a Ca' Farsetti sui presunti bed&breakfast e appartamenti a uso turistico abusivi in centro storico grazie alla piattaforma Sit.Ids presentata a inizio estate dal sindaco Brugnaro e dalla Guardia di Finanza.

leggi anche:

Le segnalazioni viaggiano a una media di quattro al giorno e arrivano dalle persone più disparate. Nuovi vicini di casa fino al giorno prima sconosciuti, viavai di trolley sulle scale, rumori insoliti in androne, aumento di sacchi delle immondizie, facce che cambiano ogni settimana.

Per vedere se i loro sospetti sono fondati, oltre 400 veneziani in questi mesi hanno scritto una mail all'ufficio preposto segnalando le anomalie sul pianerottolo. La chiarezza del portale e l'agilità di accesso hanno trasformato rapidamente la piattaforma in un tavolo di confronto con i cittadini i quali, grazie anche alla possibilità di restare anonimi, ogni giorno segnalano situazioni sospette in quell'immenso dormitorio per foresti che ormai è diventata la città.

Come ha spiegato in passato l'assessore al Bilancio Michele Zuin, il numero elevato di segnalazioni sta a significare che «la gente è attenta, guarda, e se ha dubbi accede al portale, che è di facile consultazione, controlla se la struttura ricettiva è regolare, e in caso contrario ci scrive».

Le mail, per metà anonime e per metà firmate, vengono poi vagliate dall'Ufficio Tributi del Comune che verifica l'indirizzo e i primi dati per poi passare la pratica, in caso di struttura non riconosciuta, ai vigili urbani che poi effettuano il sopralluogo.

leggi anche:

Molte le segnalazioni che arrivano dalle zone più periferiche dove i bed and breakfast e gli appartamenti destinati ai turisti sono meno numerosi rispetto al centro e dove, di conseguenza, la presenza dei turisti dà molto più nell'occhio e mette in allerta i vicini.

Era stato proprio il fiorire incontrollato di strutture ricettive negli ultimi anni - 5.380 quelle in regola - a far muovere l'amministrazione comunale e la Guardia di finanza con lo scopo di controllarne la regolarità e le relative transazioni effettuate per le compravendite. (m.pi.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista