Quotidiani locali

Identificato e denunciato il colpevole

La scena sotto gli occhi dei terrorizzati dei passeggeri. La solidarietà dei colleghi di lavoro

PORTOGRUARO. La città di Portogruaro nell’incubo di una violenza spropositata e mai vista. A distanza di 12 ore dall’aggressione subita da tre migranti, eccone un’altra, stavolta a un’autista di autobus. Entrambi i casi vedono al lavoro i carabinieri della locale compagnia che hanno già identificato e denunciato l’aggressore, un 44enne di Annone. L’aggressione a una conducente di mezzi pubblici non è mai avvenuta a Portogruaro dove si parla per la prima volta di un fatto simile. Un evento cui hanno assistito, terrorizzati, 15 passeggeri. Il tragitto dell’autobus è stato breve. La zona poi è solitamente molto tranquilla. Il mezzo della Mom aveva appena lasciato l’autostazione, che si trova in via Arma di Cavalleria, nella zona della stazione ferroviaria. Percorsa la rotatoria di via Leopardi si è immesso in via dello Stadio e dopo la curva a destra, una volta sulla Postumia, il mezzo ha svoltato repentinamente a destra, in direzione della biglietteria dello stadio, a pochi passi dal cancello posto all’ingresso degli spogliatoi.

I passeggeri sono dovuti salire su un altro mezzo, giungendo a destinazione in ritardo. Siamo in pieno centro a Portogruaro. A questo punto, dopo l’azione dei carabinieri, la donna è stata accolta nel reparto di Pronto soccorso, dove è rimasta fino a tarda ora. Il referto medico parla di una lieve intossicazione dovuta allo spray urticante.

La 61enne era però in fase di choc e solo in serata è stata mandata a casa. Gli autisti hanno solidarizzato con la collega, ma senza rilasciare dichiarazioni. Per tutti hanno parlato alcune sigle sindacali. Bocche cucite anche dall’azienda che opera principalmente nel Veneto orientale, cioè l’Atvo, che vanta una buona collaborazione con il consorzio Mom, già La Marca.

La direzione generale, pur comprendendo quanto accaduto, preferisce il silenzio ma la posizione è chiara ed è di netta condanna dell’episodio. La linea Portogruaro – Motta di Livenza è molto comoda soprattutto per gli studenti, e non sono pochi quelli che abitano nel Veneto orientale che si servono di questi mezzi per frequentare le scuole di Portogruaro.

Il percorso è “parallelo” a quello della ferrovia Portogruaro – Treviso. A differenza del treno, tuttavia, gli autobus Mom attraversano le frazioni
a Ovest più periferiche di Portogruaro, come Pradipozzo o Summaga, dove i passaggi dei mezzi dell’Atvo sono più rari. Ad Annone Veneto, la località dell’aggressore, la notizia ha suscitato scandalo. L’uomo è conosciuto per i suoi modi rudi e violentii.

Rosario Padovano

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista