Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Il presidente Zanutto «Ho sempre agito con correttezza»

FOSSALTA DI PIAVE . «Ho sempre agito durante l’incarico di presidente su decisioni verbalizzate e approvate all’unanimità dal consiglio direttivo». Il presidente della Polisportiva Fossaltina, Fabio...

FOSSALTA DI PIAVE . «Ho sempre agito durante l’incarico di presidente su decisioni verbalizzate e approvate all’unanimità dal consiglio direttivo». Il presidente della Polisportiva Fossaltina, Fabio Zanutto, rispedisce al mittente le accuse mosse dal maestro Gianni Perissinotto dell’Asd Shotokan Karate, in merito alla mancata assegnazione delle palestre.

«Oggi essere dirigente di un’associazione richiede l’assunzione di responsabilità in ambito amministrativo e fiscale, con conseguenti rischi di tipo civile e penale che si possono prevenire solo nel rispetto di regole chiare per tutti», spiega Zanutto, «Perissinotto dovrebbe ricordare che l’articolo 13 dello statuto cita che possono ricoprire cariche sociali i soli soci che non ricoprano cariche in altre associazioni sportive nell’ambito della stessa disciplina sportiva. Le divergenze sono sorte quando gli ho rilevato di essere in conflitto con lo statuto, in quanto era da anni sia componente del direttivo, sia istruttore della Polisportiva e sia presidente dell’Asd Shotokan Karate, che svolge attività a Jesolo e ora vorrebbe estendere a Fossalta. Il 2 maggio sono pervenute le sue dimissioni e, da quel momento, la Polisportiva si è attivata per sostituire gli spazi occupati dal maestro, attivando una nuova sezione di karate, judo e thai chi».

Zanutto ricorda anche che il sistema di raccolta fondi “Sicardlive” ha permesso di raccogliere in tre anni oltre 15.800 euro per la Polisportiva. «Ritengo offensivo nei confronti dei soci, che si sono impegnati per la raccolta di questi importanti contributi, permettersi di dire che non è altro che un’attività commerciale», conclude Zanutto.

Giovanni Monforte