Quotidiani locali

A Portegrandi semaforo di notte e nuova rotatoria

Accolte le richieste del Comune di Quarto d’Altino per snellire la viabilità dopo la chiusura del ponte sul Sile

PORTEGRANDI. Il Comune vince la “battaglia” per la messa in sicurezza della viabilità di Portegrandi. Il semaforo all’incrocio tra la Statale 14 e via Trieste diventerà funzionante in modo permanente, giorno e notte. Mentre all’incrocio tra via Trezze e la stessa Statale 14, in località Carafia, sarà realizzata la tanto auspicata rotatoria provvisoria. È l’esito del vertice che ha riunito tutti gli enti coinvolti nella gestione della viabilità in zona: i dirigenti di Anas e Città Metropolitana, il sindaco Claudio Grosso e il comandante della polizia locale Fabrizio Milanello. In discussione le problematiche alla viabilità emerse in seguito alla chiusura, per lavori, del ponte sul Sile lungo la provinciale 43 Portegrandi-Caposile.

La chiusura si protrarrà fino a metà gennaio, con i disagi già emersi in queste prime settimane di stop al traffico. Per fronteggiarli il Comune di Quarto si è presentato al tavolo con due richieste, entrambe accolte dagli enti superiori. Il tavolo tecnico ha deciso di prevedere il funzionamento continuo, sia diurno che notturno, del semaforo all’incrocio tra la Statale 14 e via Trieste. Attualmente l’impianto si attiva solo al transito dei pullman. Ma l’immissione sulla statale era molto pericolosa, specie in vista della stagione delle nebbie. Adesso il semaforo sarà sempre funzionante, regolato in maniera tale da garantire il verde per due minuti ai veicoli in transito sulla più trafficata statale. Mentre per chi arriva dal centro di Portegrandi lungo via Trieste il via libera durerà venti secondi.

All’intersezione di via Trezze con la Statale 14, alla base del cavalcavia di Carafia, sarà realizzata invece una rotatoria provvisoria con new jersey. A seguito delle verifiche effettuate con le società Atvo e Mom, è stato deciso inoltre che la fermata dei bus di Carafia, in direzione San Donà, verrà temporaneamente spostata, deviando i mezzi pubblici su via Garibaldi e utilizzando come punto di sosta la pensilina già presente lungo la strada comunale. «Ringrazio i tecnici di Anas e Città Metropolitana per aver ascoltato e capito le problematiche derivanti dalla nuova viabilità provvisoria, a seguito dei lavori che si stanno eseguendo sul ponte», commenta il sindaco Claudio Grosso, «gli enti sovracomunali
sono stati ricettivi». Adesso si tratterà di concordare con le imprese addette i tempi per l’attivazione permanente del semaforo e la realizzazione della rotatoria provvisoria, che dovrebbe essere eseguita entro la terza settimana di ottobre.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista