Quotidiani locali

Il Mariutto “dialoga” con la città

Mirano. Gli anziani incontrano i bambini, al via anche la pet therapy in corsia

MIRANO. Il Mariutto si apre al territorio: nella casa di riposo di via Zinelli a Mirano entrano volontari, bambini, anche gli animali. Dimenticate la vecchia casa di riposo intesa solo come ricovero: oggi l’Ipab porta fuori i suoi anziani e dentro associazioni e asili, ma ai suoi ospiti proporrà pure la pet therapy.

Stanno infatti prendendo il via in queste settimane alcuni progetti che l’ente ha fortemente voluto per realizzare quella apertura alla città che era da tempo nelle idee dei vertici dell’istituto. A occuparsene è un servizio educativo interno sempre più coinvolto in iniziative che vedono la collaborazione di realtà al di fuori dell’ente.

«Da un anno circa prosegue la collaborazione con la scuola internazionale Oplà», spiega l’educatrice Antonella Furlan, «con i bambini che periodicamente vengono al Mariutto per attività mirate di integrazione tra diverse generazioni. Succederà ora anche con i bambini dell’asilo Zanetti-Meneghini, con il quale abbiamo avviato un progetto di tre anni, che poi coinvolgerà anche l’asilo comunale “L’Aquilone” e il nido “Il Pulcino” di Maerne. In questo caso saranno gli anziani ad andare in asilo, proponendo un progetto di recupero della storia di Luigi Mariutto, per far conoscere questo personaggio che ha fatto la storia di Mirano». Attività simili vedono coinvolti anche i ragazzi del catechismo delle due parrocchie di Mirano.

Ma non si tratterà solo di favorire l’incontro intergenerazionale. Al Mariutto verrà presto avviata un’attività di pet therapy con l’associazione “La Terra di Hope”: cani addestrati entreranno in casa di riposo per lavorare con gli anziani, soprattutto i più compromessi dal punto di vista cognitivo e comportamentale. È stato infatti dimostrato come in questi casi la vicinanza anche affettiva degli animali migliori non solo la vita di relazione ma le stesse attività intellettive.

Infine via alla formazione di volontari per supportare l’azione del personale: partiranno corsi rivolti in particolare a tre associazioni del territorio: Croce Rossa Italiana di Mirano, Ipla di Maerne e Gaia di Spinea. Di necessità di aprirsi al territorio si parlerà poi oggi in un convegno promosso dal Mariutto anche sotto un diverso punto di vista, quello della domiciliarità delle cure, integrando servizi sanitari con quelli sociali. Per
l’Ipab miranese si tratta anche di una necessità: aprirsi a nuovi servizi per non gravare troppo sulle rette a carico delle famiglie. L’appuntamento è alle 8.30 al Teatro Belvedere: interverranno il direttore Franco Iurlaro e responsabili di Usl, Regione e altri istituti. (f.d.g.)

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista