Quotidiani locali

«Bimbo morto in utero. Un caso su 1.500, non prevedibile»

Il commento del ginecologo: si tratta di evento statisticamente raro, ma possibile 

MESTRE. «Quello che sembra essere successo è un caso di morte del feto improvvisa a poche ore dalla nascita. Si verifica in un caso ogni 1500 nascite ed è un evento purtroppo non prevedibile in alcun modo».

leggi anche:

In attesa degli esiti degli esami e pur precisando di non volere commentare il caso specifico, un ginecologo accetta di commentare il fatto. «Quello che è capitato è un evento statisticamente raro» spiega «ma comunque possibile. Per capire le cause della morte del feto è importante conoscere l'esito dell'autopsia che sarà fatta nei prossimi giorni».

Insomma i numerosi controlli durante la gravidanza, talvolta non bastano: ci sono casi di esito infausto della gravidanza al momento non evitabili.I fattori di rischio per la morte dentro l'utero a gestazione avanzata sono molteplici, alcuni difficilmente modificabili come l'età materna avanzata, e altri su cui si può intervenire come le infezioni, e alcune patologie materne come il diabete, la trombofilia o l'ipertensione.

Nonostante i numerosi progressi medici in questo ambito, c'è ancora una percentuale di casi di morti intrauterine apparentemente senza causa. Purtroppo ancora oggi si verificano morti in utero senza causa.Di fronte a questi casi in ambito clinico si cerca di trovare una spiegazione, eseguendo tutti gli esami necessari per indagare sulla causa del decesso, in modo da comprenderne le ragioni.

leggi anche:

Le indagini che si sono dimostrate più utili sono il cariotipo fetale, in grado di identificare anomalie genetiche nel 5-10% dei casi, l'esame istologico della placenta eseguito in centri specializzati, e l'autopsia del feto. 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista