Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Lazzaretto vecchio, record di visitatori

Quattromila per le visite guidate di Archeoclub. Fazzini: un successo, pronti per il museo della laguna

VENEZIA. Più di mille visitatori in due giorni. Quattromila già prenotati per i prossimi due week-end. «Sold-out, un successo incredibile», commenta esausto Girolamo Fazzini, presidente dell’Archeoclub, l’associazione di volontari che ha aperto sabato e domenica insieme al Fai e al Polo museale l’isola del Lazzaretto Vecchio al pubblico.

Un’attività che va avanti da anni con ricerche, scavi, pulizia dell’isola. E che adesso è vicina al risultato. Perché mantenendo la promessa, il ministro per i Beni culturali Dario Franceschini, nei giorni della Biennale in visita a Venezia, ha stanziato 5 milioni per avviare il primo nucleo del museo dell’isola.

Soldi che saranno utilizzati anche per dare continuità al progetto della Biennale, che ha già inaugurato un mese fa laboratori virtuali e digitali nell’area dei capannoni ottocenteschi.

Un pontile galleggiante utilizzato dalla Biennale e messo a disposizione dalla cooperativa Manin che sarà adesso smantellato. E uno spiraglio che fa ben sperare. I fondi arrivati dal ministero dovranno servire adesso per completare il restauro di alcune parti degli edifici.

E poi avviare il progetto del museo – che andrebbe a completare l’altro già in fase avanzata del Lazzaretto Nuovo – insieme al le attività digitali della Biennale. Occasione da non lasciar cadere, se si vuole davvero rilanciare il turismo culturale e il lavoro dei giovani.