Quotidiani locali

Musica, festa e proteste contro le navi da crociera

Oggi l’assemblea dei comitati ambientalisti, domani il presidio alle Zattere I deputati del M5S contro i No grandi navi: «Si limitano a spostare il problema»

Scatta oggi la mobilitazione di due dei comitati ambientalisti contro il passaggio delle navi da crociera da San Marco, che vivrà il suo momento-clou domani alle Zattere e che vedrà anche il coinvolgimento di alcuni movimenti ambientalisti stranieri che si battono contro le grandi opere.

Oggi alle 15 l’apertura ai Magazzini del Sale Docks con l’assemblea europea dei movimenti in difesa dei territori: No Tav dalla Valdisusa, No Muos siciliani, Stop Biocidio campani e No Tap dal Salento insieme ai tedeschi anti Stuttgard 21, Ciutat per a qui l’habita Palma delle Isole Baleari, i portoghesi di Academia Cidado e il Comitè francese contre la construction de l’aereporte de Notre Dame des Landes.

Domani invece dalle 15 sul palco galleggiante di fronte alle Zattere, contestazione festosa e musicale, con il concerto con 99 Posse, Cisco dei Modena City Ramblers, Pharmakos, Bim Bum Balaton e altri gruppi. Ma ci sarà soprattutto la contestazione alle mega-navi da crociera che transitano nel cuore di Venezia, con molte barche in acqua a portare la protesta con striscioni e fischietti al momento del passaggio delle navi da crociera. Le grandi navi devono restare fuori dalla laguna di Venezia, senza possibilità di eccezioni o deroghe anche per il Movimento Cinque Stelle che però polemizza anche con il Comitato No Grandi Navi, favorevole alla realizzazione di un terminal crocieristico alternativo di fronte al Lido. È quanto ribadiscono in un comunicato congiunto i deputati ed i consiglieri comunali veneziani del M5S, a seguito del deposito di una mozione alla Camera dei Deputati con cui si chiede che i giganti del mare siano banditi dall’ecosistema lagunare.

«Come affermato pubblicamente in tutte le sedi, per il M5S le grandi navi, nella logica del sistema attuale, non sono compatibili con il fragile ecosistema lagunare» dichiarano i Cinque Stelle «e con la salvaguardia della città di Venezia e per questo motivo devono restare rigorosamente al di fuori della Laguna. Non condividiamo, infatti, quello che sta facendo il Comitato No Grandi Navi, che si proclama a gran voce paladino della tutela della Laguna, salvo poi appoggiare delle alternative che semplicemente spostano il problema un po’ più in là e che sarebbero comunque devastanti per i delicatissimi equilibri lagunari.
Quello che il M5S chiede invece anche attraverso la mozione depositata, frutto del grande lavoro di concertazione fatto con i gruppi locali in questi anni, è di sostenere e valorizzare una crocieristica di qualità, di dimensioni e cabotaggio contenuti».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics