Quotidiani locali

DEGRADO IN CITTÀ 

Trenta giovani fanno picnic a Rialto

Tutti in fila in una calle con panini e bibite a condividere il pranzo di mezzogiorno

VENEZIA. Tutti in fila, in una calle di Rialto, a pranzare come se niente fosse.

Una trentina di giovani turisti ha pensato bene - come evidenziato nella foto, inviataci  da un lettore -  di fare un picnic in piena regola nel cuore del centro storico veneziano.

Nessun vigile era presente, nonostante l’amministrazione comunale avesse annunciato, a fine agosto, e in pompa magna l’assunzione di nuovi agenti stagionali che avrebbe dovuto rinforzare la squadra della polizia locale, in particolare nell’area monumentale di Piazza San Marco e nella zona di Piazzale Roma. Giovani, atletici, in gamba e armati di voglia di lavorare. Ma dove sono?

Il Comune li ha assunti per tutelare l’ordine e il decoro della città antica, nel quadro più ampio delle azioni intraprese per la gestione dei flussi turistici. Nonostante questo il degrado, nella città storica, continua ad aumentare, nonostante i pochi veneziani, rimasti in città, continuino a indignarsi.

Certo, ieri attorno a mezzogiorno, questi ragazzi non stavano facendo l’amore come quella coppia di turisti in fondamenta Santa Chiara oppure come quei due gay che stavano facendo sesso nudi, accanto all’Hotel Europa & Regina, in pieno Canal Grande. I due uomini erano stati ripresi da diversi veneziani che si trovavano a passare sul Canal Grande alle prime luci dell’alba. Video e foto hanno fatto il giro del web, suscitando i commenti indignati di molti italiani.

Senza dimenticare quei turisti, di nazionalità belga, che all’alba, sono stati sorpresi a tuffarsi, all’inizio di agosto, dal ponte della Costituzione. In quest’occasione i turisti, visibilmente ubriachi, sono stati identificati e denunciati dagli agenti della polizia municipale.

E sul Canal Grande c’è pure chi fa i bisogni in pieno giorno: nelle scorse settimane era stato denunciato il comportamento volgare e trasgressivo dei turisti, soprattutto americani e del Nord Europa, che considerano la città come un posto dove poter fare tutto senza regole. Donne e uomini che urinano o defecano in laguna, all’aria aperta, sono all’ordine del giorno. Così come casi di ubriachezza molesta, dove sempre i turisti la fanno da padroni con i loro comportamenti irresponsabili.

Il picnic, messo

in scena ieri da questi giovani a Rialto, sembra sicuramente meno grave, ma la sensazione di disgusto rimane. Venezia, una volta dominatrice dei mari, continua a essere calpestata, giorno dopo giorno, da un’orda di barbari che le forze dell’ordine non riesce a fermare.

 

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

LE GUIDE DE ILMIOLIBRO

Corso gratuito di scrittura: come nascono le storie