Quotidiani locali

la tragedia di pozzuoli

Un grande amore nato a scuola

Tiziana aveva conosciuto Massimiliano all'Itis Volterra di San Donà. Il progetto, il matrimonio e i figli. Lui ingegnere, lei guardia giurata all'aeroporto Marco Polo

MEOLO. La storia della famiglia di Tiziana, gli Zaramella, è quella che accomuna tanti italiani, e veneti in particolare, che hanno cercato fortuna in città. Inizia nella provincia del Basso Piave, ai confini tra Meolo, Fossalta e Musile, località Capo d'Argine, via Fossetta 1, geograficamente nel territorio di Meolo, per arrivare fino in Piemonte, nel capoluogo Torino. La metropoli in cui hanno cercato di crearsi una nuova vita per un breve periodo.

leggi anche:

Di Fossalta di Piave, invece, la famiglia Carrer, quella del marito Massimiliano che avrebbe frequentato Tiziana ancora ragazzo, sempre in questo territorio di confine in cui i giovani si conoscono un po' tutti.

Tiziana Zaramella era figlia del compianto Battista che con la moglie Gilberta Da Re era emigrato a Torino sul finire degli anni '60. Faceva l'operaio in fabbrica e proprio a Torino era nata la primogenita Tiziana, nel 1975, poi un'altra figlia Sara, di qualche anno più giovane, che oggi lavora a Milano nel settore della moda come stilista. Battista e Gilberta tornarono dunque a Meolo nel 1982 dopo quell'esperienza in Piemonte. Finalmente a casa, nella loro terra natia dopo gli anni trascorsi nella caotica città, a Torino. Troppo forte la voglia di tornare a casa con i parenti e gli amici di sempre.

A Torino erano rimasti due cugini, tra cui Andrea Zaramella, rimasto sempre in contatto. E Battista, che viveva nella casa colonica costruita e ristrutturata in via Fossetta 1, aveva trovato impiego praticamente subito come operaio nel Comune di Fossalta di Piave, che dalla casa di via Fossetta 1 dista solo qualche metro, dopo il confine. Battista, molto impegnato nel volontariato e conosciuto a Meolo e Fossalta per la sua generosità, è morto di infarto alcuni anni fa. La palestra della scuola elementare di Fossalta è dedicata a lui, in ricordo della sua grande bontà.

Tra Meolo e Fossalta Tiziana, che si è diplomata all'Itis Volterra di San Donà, aveva conosciuto Massimiliano Carrer, anche lui studente nella stessa scuola superiore, ma più grande di due anni. La sua famiglia, papà Giuseppe, operaio nel settore edile, e mamma Rina, è originaria di Fossalta di Piave, comunque a una manciata di chilometri di distanza dalla casa di via Fossetta. Proprio Giuseppe e Rina ieri sono partiti subito per Pozzuoli a vedere le salme della famiglia. Un'esperienza che li sta devastando.

leggi anche:

Massimiliano si era laureato in ingegneria informatica a Padova, studente brillante e iscritto all'albo della categoria dal 2000. I due si sono sposati pochi anni dopo la laurea ed erano nati i due figli, il povero Lorenzo, di 11 anni, morto con loro a Pozzuoli, e il secondogenito di 7, unico superstite.

Massimiliano aveva trovato subito impiego come ingegnere in una grossa ditta, lei come guardia giurata all'aeroporto di Tessera, con un lavoro part time.

Una bella famiglia, serena e spensierata, che abitava a Capo d'argine, in via Fossetta 1, nella grande casa divisa in due con mamma Gilberta, rimasta sola con una sorella dopo la morte del marito.

Tiziana era una donna energica e solare, impegnata in tante attività e molti la ricordano ancora per aver partecipato anche alla trasmissione "Forum" e perché faceva parte del coro Basso Piave di Fossalta.

leggi anche:

Massimiliano era spesso via da casa, impegnato come ingegnere informatico e spesso in trasferta in varie città d'Italia ed Europa. Ma la famiglia si riuniva sempre davanti al focolare di via Fossetta 1, nella casa dei genitori dove c'è un grande giardino, si stagliano i giochi dei bambini ora abbandonati sull'erba, una piccola porta per giocare a calcio e attorno le galline che scorrazzano freneticamente, come in una vecchia casa di campagna. «Siamo distrutti», dice il cugino, Luigino Da Re, che abita poco distante in zona Capo d'argine, «li abbiamo visti poco prima di partire per la vacanza a Pozzuoli. Non sembra possibile che sia successa questa tragedia». E adesso la grande casa è avvolta da un silenzio irreale. Non sarà mai più la stessa.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Venezia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SPEDIZIONI FREE PER GLI AUTORI

Stampare un libro, ecco come risparmiare